Magic Italy

"L'Italia ora cambia davvero verso, ma anche in Sardegna non scherziamo…"

60 e 40 per i contenuti di italia.it

with 6 comments

Si legge in giro che il bando di gara per la fornitura triennale dei contenuti del portale italia.it, una volta effettuate le verifiche di rispondenza tecnica, sarà aggiudicato all’azienda che offrirà il maggiore ribasso economico rispetto alla base d’asta di partenza che è di  2,03 milioni di euro + IVA.

NON è vero, come si rileva facilmente dal bando (pagg. 4 – 7).


Al concorrente che avrà offerto il maggiore ribasso economico Rmax, saranno assegnati 40 punti.
Tutti gli altri si vedranno assegnare un punteggio proporzionale al ribasso offerto Ri secondo la formula

40 x (Ri / Rmax)

Al punteggio così ottenuto saranno poi sommati un numero di punti ulteriore derivante dalla qualità dell’offerta tecnica presentata, misurata su 11 elementi diversi.
Per ciascun elemento la valutazione prevede un fattore ponderale Pk ( k= 0… 10) cioè il massimo numero di punti assegnabili per quell’ elemento e un coefficiente Ai variabile da

0 = prestazione minima possibile a 1 =prestazione massima possibile.

Pk x Ai

Il coefficiente Ai viene assegnato come “media dei coefficienti attribuiti discrezionalmente dai singoli commissari” della commissione aggiudicatrice.
Gli elementi tecnici ed i relati fattori ponderali sono quelli della tabella qui sotto; il massimo numero di punti aggiuntivi così ottenibile è pari a 60.


Il fattore economico peserà quindi nella scelta finale per il 40%; quello tecnico per il 60%.

Il bando di gara risale al 18 maggio 2010, con  termine ultimo della presentazione domande 19 luglio 2010. Formula: “procedura aperta”.

  • Le aziende hanno quindi avuto sessanta giorni di tempo per formulare le loro offerte tecniche ed economiche.

Il confronto con il primo bando di gara originale del portale italia.it, con base d’asta pari a 9,5 milioni di euro + IVA è abbastanza evidente:

  • data pubblicazione del bando: 2 marzo 2005 sulla G.U.C.E. (Gazzetta Ufficiale Comunità Europea) e 4 marzo 2005 sulla G.U.R.I. (Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana), oltre che su quattro quotidiani nazionali. Formula: “licitazione ristretta accelerata”.
  • data ultima presentazione offerte: 15 marzo 2005; in pratica essendo il 4 marzo 2005 un venerdì, di fatto le imprese ebbero sì e no appena sei giorni lavorativi per approntare l’offerta economica e tecnica.

Al momento non è ancora nota la data di svolgimento della seduta pubblica in cui dovrebbero essere aperte le buste ‘C’, quelle relative all’offerta economica.

La Busta C dovrà contenere, a pena d’esclusione, l’indicazione chiara del ribasso percentuale effettuato rispetto al prezzo posto a base d’asta di cui al punto 5.1 del presente bando di gara, indicato sia in cifre che in lettere, al netto dell’IVA ed al lordo di ogni eventuale altro onere.

About these ads

Written by frap1964

ottobre 23, 2010 at 15:59

Pubblicato su Magic Italy

Tagged with , ,

6 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Cavolo Frap, è machiavellico.
    E non certo per colpa della tua descrizione.
    E’ già possibile ipotizzare il/i vincitore/i?
    :-(

    luciano ardoino

    ottobre 24, 2010 at 00:23

    • Non credo.
      Procom, che già aveva gestito e prodotto i video di “Magica Italia”, l’hanno esclusa dalla gara…

      Comunque c’è poco da stare allegri, perché si tratta solo di content provider che non avranno modo di agire sulla struttura tecnica e/o sull’organizzazione grafica del portale.
      Al massimo potranno fare delle proposte di “miglioramento”.
      E’ scritto chiaro chiaro nel capitolato tecnico.
      Quindi si andrà poco lontano…
      Il “bidone” arrivato da ACI Informatica tocca tenerselo per tutto il prossimo triennio.

      Poi non so se hai notato che di tutto il sistema di promo-commercializzazione, market-place, ecc. ecc. tanto decantato dalla Brambilla, non si parla più. Hanno buttato via una brutta vetrina per fare una vetrina ancora più misera ed inutile. E un pseudo ridicolo ed inutile social-network che non si fila nessuno. A suon di milioni di euro. Nostri. Se ci fosse una seria legislazione sulla “class-action” ci sarebbe solo da far causa e chiedere i danni.

      frap1964

      ottobre 24, 2010 at 14:45

  2. Quindi è diventato un problema di fondo, vale a dire che “politicamente” arrendersi adesso significherebbe una sonora brutta figura.
    Ma non è una stessa, se non peggiore figura, l’andare avanti così.
    O la causale è addirittura un’altra?
    Fovorire questo e quell’altro con “fantomatiche” gare eccetera eccetera?
    Scusami gli interrogativi alla moda di “Vinc”, ma è così difficile fare una cosa ben fatta?
    ;-)

    luciano ardoino

    ottobre 24, 2010 at 21:17

    • Quanto a figure, mi pare che la Brambi ne abbia collezionate a sufficienza. E’ un mero problema di incompetenza. Se sei incompetente darai da fare questo lavoro a chi la competenza per farlo evidentemente non ce l’ha (nel caso specifico ACI).
      Non è mai esistito un vero progetto del portale, questo mi pare sia ormai chiaro a tutti. Poi i meccanismi di pre-selezione di gara sono essenzialmente basati sul fatturato pregresso, che nulla dice ovviamente sulla qualità o sull’innovazione del lavoro che fai.
      Facendo un concorso di idee e chiedendo di realizzare un prototipo di portale, si sarebbe facilmente individuata e selezionata l’eccellenza. Si sarebbe potuto anche prevedere una sorta di rimborso per i primi 5 classificati, che anche fare i prototipi è un lavoro.
      Ma l’interesse è evidentemente altro da questo.
      Si preferiscono i grandi annunci, seguiti dalla mediocrità, lo spreco, i piccoli e meno piccoli favoritismi. E’ l’Italia di sempre.

      frap1964

      ottobre 25, 2010 at 00:22

  3. […] Si tratta dell’ ultima busta, la  ’C’. Dopodiché si procederà all’aggiudicazione definitiva con  questi criteri. […]

  4. […] differenza in termini di punteggio ottenuto in sede di gara non lascia certo ben sperare, visto che i criteri di gara attribuivano un peso del 60% al fattore tecnico e del 40% al fattore […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: