Magic Italy

"I numeri di Italia.it sono la base di partenza di un progetto più ampio basato sulle 3 C del turismo digitale: Coopetition, Condivisione e Connessioni."

Magic Italy a Vienna

with 26 comments

Tre giorni di Magic Italy* a Vienna (24-27 marzo 2011):

Twitts = 0.
Video YouTube = 0.    [UPDATE 31/03/2011] oggi è comparso un video. Evviva!!
Foto Flickr = 13; le altre 24 sono della prima tappa a Colonia, ma non è specificato (foto solo numerate).
——————————-[UPDATE 31/03/2011] l’album foto è stato arricchito e riclassificato !!
Post** = 1; ed è un semplice link alle foto su Flickr.
——————————-[UPDATE 31/03/2011] aggiunto anche il video: ehi, ma qui lavorano come matti !!
Facebook = bacheca vuota; l’ ultimo aggiornamento risale a cinque mesi fa.

Link a questa pagina (in lingua tedesca) in home page sul portale italia.it = assente; le altre news*** sono in italiano. In compenso però, in pop-up, c’è lo spot di Silvio dedicato al mercato turistico nazionale .


Ma allora perché li paghiamo ?

*    il truck Magic Italy è fornito da Publitour SpA
**   il sito Italy Visits You è a cura di Lowe Pirella Fronzoni
*** i contenuti su Italia.it sono in appalto a Monrif – PaesiOnLine – Zeppelin

Written by frap1964

marzo 28, 2011 a 22:06

26 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Un altro successo di Magnani?
    😉

    luciano ardoino

    marzo 28, 2011 at 23:28

    • Dal 31/03 al 03/04 sono a Monaco.
      Mo’ li seguo tappa x tappa e voglio vedere se cambia qualcosa.
      Non credo che tutto l’ambaradan sia venuto via tanto a buon mercato, no?
      Questa “Magica Italia” del DSCT di marketing e promozione via web non ci capisce palesemente una benemerita mazza fionda.
      Possibile che a Lowe Pirella Fronzoni abbiano chiesto solo di buttar giù un sito alla meno peggio, senza poi curarne i contenuti ed animare i vari SN?
      Io vorrei capire perché ‘ste aziende, quando lavorano per la PA, devono regolarmente “svaccare” in questo modo qui.
      Con un cliente privato dubito seriamente che farebbero allo stesso modo.

      frap1964

      marzo 29, 2011 at 00:57

  2. E non hanno neanche fatto dei tentativi per migliorarlo (l’ambaradan).
    Mi sono informato su Vienna (ci lavora un amico) e c’è andato.
    Mi ha raccontato che è stato revival di italiani in gita.
    Sic!😉

    luciano ardoino

    marzo 29, 2011 at 16:48

    • Prego, inserire su Google:

      Magic Italy in Tour Wien

      Primo risultato: sito personale della Brambilla😀
      Sesto risultato: questo blog, che fa sì e no un migliaio di contatti/mese.
      Dodicesimo risultato: il sito ufficiale di Italy Visits You (risultato in seconda pagina)
      Quattordicesimo risultato: pagina in inglese di Magic Italy in Tour su http://www.italia.it

      Ho detto tutto.

      frap1964

      marzo 29, 2011 at 22:20

    • Chissà, magari stanno provando a vedere se lo stereotipo regge ancora…

      sara

      aprile 6, 2011 at 10:44

  3. VIvo a Monaco e sto per andare a vedere.
    Già prima di leggere la mia sensazione era “vediamo come butta soldi il ministero”, il post mi ha rafforzato e aspetto solo l’esperienza diretta per bocciarlo definitivamente…

    Francesco P

    aprile 2, 2011 at 17:12

    • Ok, poi magari facci una cronaca di quello che hai visto.
      Ci interessa. Grazie.

      frap1964

      aprile 2, 2011 at 17:28

  4. Ho fatto alcune foto col cellulare per documentare “l’evento”, le trovate qui: http://img685.imageshack.us/g/image303r.jpg/

    Sono state fatte poco prima delle 19, come potete vedere il posto era tutt’altro che affollato. Le poche persone che c’erano parlavano tutte italiano.

    La “piazza” descritta da MVB è costituita da 2 gazebi (si declina al plurale? mi viene il dubbio) e da un palco: trascuro la tristezza che ti assale al sentire la musica trasmessa (canzoni “folk” regionali), da un lato un bar/osteria con qualche prodotto regionale, e dall’altro le informazioni turistiche, con un po’ di depliant stampati e niente di multimediale. Ammetto di non aver “testato” le hostess.

    A conferma che la giornata non deve essere stata granché piena, alle 18.50, appena ho pagato il caffè, il bar ha chiuso la cassa, seppure la giornata in teoria andasse avanti fino alle 20.

    Francesco P

    aprile 2, 2011 at 21:46

    • Sono un soggetto privato che opera in uno dei territori e ho seguito l’evento di monaco!
      NON PARLO DI VIENNA PERCHè NON C’ERO!
      Sono arrivato il giovedì sera dopo un diluvio eccezionale e 50 km di coda prima di entrare a monaco. impossibile il sopralluogo serale, vado a cena.
      Al arrivo al mattino per le 10 circa e riscontro il primo problema: Il Truck organizzato per l’evento non ha il permesso di sostare nell’area dedicata per problemi tecnici dovuti a stabilità terreno pioggia etc…..
      Gli organizzatori si devono arrangiare con delle tenso-strutture e adattare il possibile alla situazione. Il mal tempo non incoraggia molto la situazione. Allo start dell’evento ore 13 circa ci sono circa 32 accrediti di operatori commerciali tedeschi e due accrediti stampa.

      In cucina si alterneranno due stellati michelin del piemonte e che serviranno nell’ordine:

      -Aperitivo Miacce valsesiane e stuzzichini astigiani
      -Antipasto: Tartrà di cipollotti con ragout di asparagi e coulis di peperoni rossi
      -Primo piatto: Agnolotto gobbo astigiano con stufato di vitella fassona
      -Secondo piatto: Ganascino di manzo del belvedere brasato al gattinara con polenta integrale otto file.
      -Formaggi:Assiette di formaggi con cugnà piemontese miele e salse
      -Dessert: Fondente di mele renette con zabaione al moscato e piccola pasticceria.
      -Grandi vini del piemonte.

      MANO D’OPERA E PRODOTTI, SONO STATI OFFERTI DALLE AZIENDE PRIVATE CHE HANNO PARTECIPATO ALL’EVENTO, CHE COMPONGONO I CONSORZI, I PRESIDI DI TUTELA DEL TERRITORIO E DEL TURISMO; CHE CREDONO NELLO SVILUPPO DEL NOSTRO PAESE, DELLE NOSTRE ECCELLENZE E LE NOSTRE TRADIZIONI. CON LA SPERANZA DI CREARE SVILUPPO E LAVORO PER TUTTI. PERSONALMENTE HO PARLATO CON IL SIG. MARION BUSTORF, GIORNALISTA DI UNA RIVISITA DEL SETTORE CHE PUBBLICHERA’ L’ARTICOLO DELL’EVENTO LA’ E, CHE HA VOLUTO UNA COCCARDA TRICOLORE PER SUO FIGLIO.

      quella in maiuscolo e il menù, sono una semplice cronaca e non un giudizio.

      Il mio parere, è che per una delle rarissime occasioni in cui l’italia, è ancora in grado di partecipare ad un evento positivo, vada aiutata a migliorare. E che prima di sparare a zero parzialita e critiche sterili, sarebbe meglio dare una mano!!!
      un saluto dall’italia che lavora e ci prova nonostante tutto e tutti!

      BRUNO

      aprile 3, 2011 at 02:23

      • Questo è il link del sito dell’evento

        http://www.italyvisitsyou.com/

        BRUNO

        aprile 3, 2011 at 02:24

      • Non mi è chiaro se le parzialità e critiche sterili sarebbero state sparate a zero nel post, oppure da Francesco P. nel suo commento.
        Francesco ha semplicemente esposto la sua esperienza negli orari che ha chiaramente indicato. Non sappiamo evidentemente quale fosse la situazione in altri momenti.
        Il post, invece, non spara affatto a zero sull’iniziativa in sé, ma critica invece la gestione, a dir poco cialtronesca, del marketing collegato all’iniziativa via web.
        E lo fa citando fonti, inserendo links ed indicando semplicemente inconfutabili e incontrovertibili dati di fatto.
        E’ un fatto che l’evento a Monaco sia iniziato il 31/03 e concluso il 03/04 e che al momento nulla sia stato ancora postato né sul sito, né sui SN collegati.
        Forse non ti è chiaro del tutto cosa significhi fare marketing via web e cosa sia il SEO (Search Engine Optimization).
        Nel caso di chi gestisce l’iniziativa, invece, possiamo tranquillamente eliminare il forse.
        Ciò che descrivi, peraltro, non indica certamente una brillante gestione organizzativa della cosa: via web, tra le altre cose, si possono anche leggere, e con un certo anticipo, le previsioni del tempo.
        E prendere quindi le dovute contromisure per tempo (in senso non strettamente metereologico).
        O si crede forse che lungo tutto il tour non pioverà mai?

        frap1964

        aprile 4, 2011 at 00:52

      • Il problema, Bruno, è che ci sono moltissime realtà private che questo lavoro lo sanno già fare molto bene (parlo di promozione turistica, promozione eventi, e promozione sui social media e online PR, il tutto in maniera integrata). Semplicemente non hanno accesso alla promozione di italia.it e di magicitaly, dove invece continuano a mangiare lautamente questi peracottai, con questi risultati.

        sara

        aprile 6, 2011 at 10:39

  5. […] P.S. Le uniche foto, al momento, le trovate a partire da QUI. […]

    Lettura suggerita per conoscere i costi dell’iniziativa Magic italy in Tour (170.000 euro a tappa)

  6. A Brù, e per piacere!
    Prova solo a tradurre in tedesco “Ganascino di manzo del belvedere brasato al gattinara con polenta integrale otto file” … e poi ti rendi conto che l’alemanno (cavolo, sei a M O N A C O) non c’ha capito ‘na mazza.
    E poi “belvedere” decchè?
    Tutte le campagne hanno un belvedere!
    Mentre per l’ottofile, che poi altro non è che una pannocchia che ha otto file longitudinali di chicci delle Langhe e molto ricchi di amido… e che ai germanici non può fregare di meno se le file erano nove.
    Oppure “BRASATO DI GUANCIA DI MANZO AL GATTINARA E POLENTA” e adesso traduci.
    E qua mi fermo.
    Suvvia, nel 2011 ancora ‘ste cose trite e ritrite alla francese (Escoffier) con delle descrizioni dei piatti che sembrano una presa per il ….
    Uffa!

    luciano ardoino

    aprile 5, 2011 at 13:56

    • Giustissimo. Mi sembra che non ci sia stata una minima analisi del target. D’altronde delle otto file non interessa un cavolo nemmeno a molti italiani, figuriamoci agli stranieri.

      sara

      aprile 6, 2011 at 10:42

  7. @Sara
    Infatti!
    Non se ne può più di queste descrizioni dei piatti che tanto sanno di presa per i fondelli.
    Un bel piatto di spaghi oro (spaghetti al pomodoro) e fogliolina di basilico (mmhhh che delizia) per loro diventa:
    Amalgama, in una notte di luna piena, di spighette (notare che tutti i “loro” correnti piatti hanno un diminutivo che è un’accrescitivo della cura che si da nella raccolta) sminuzzate con pietra intagliata nel ‘700 … e quando canta il galletto alle 5 del mattino.
    In poche parole la FARINA doppio 00.
    Immagina poi che descrizione ci tirano fuori per farci uscire gli spaghetti.
    Segue il pomodorino (anche qui il diminutivo che “a loro” piace tanto) che chissà che trafila ha fatto solo per essere raccolto …. la cottura col soffritto con l’aglio che proviene sicuramente da una collina che dispone del “belvedere”, oppure cipollinina (doppio diminutivo che fa ancora più bello) a scelta dell’Executive Chef.
    Non parliamo del basilico che sicuramente diranno che è di Prà (il milgiore del mondo)… ma per piecere.
    Il tutto lo traduci in tedesco e aspetti la faccia che fa.
    P.S.: per vent’anni ho insegnato cucina internazionale nei migliori ristoranti e alberghi del mondo e queste “cavolate” non le ho mai sopportate.
    Il tempo preferivo passarlo ai fornelli a insegnare e non certo a studiarmi queste str…anezze.
    Mi sono dilungato ma è da mò che lo volevo dire a qualcuno.
    Ciao

    luciano ardoino

    aprile 6, 2011 at 18:25

    • Notato, vero, nel video di Monaco il pregevole e sofisticato e originalissimo menu degustazione toscano in comprensibilissima lingua italiana (a Monaco… sic!).😉

      frap1964

      aprile 6, 2011 at 19:48

  8. Domani il post lo faccio su questa cosa quì.
    Ma sarà vero questo “sciocco” menù del Bruno in terra germanica?
    😉

    luciano ardoino

    aprile 6, 2011 at 20:37

    • Verifica dal video su YT…

      -Formaggi:Assiette di formaggi con cugnà piemontese miele e salse

      Mi pare di vederli.
      Il ganascino potrebbe essere quella roba che servono con le bandierine tedesche? (aaaaaarghhhh!!!)

      Comunque il menu è confermato QUI e QUI.

      frap1964

      aprile 6, 2011 at 22:15

  9. Però ho appena visto che la Brambilla ne ha combinata un’altra delle sue.

    http://www.bighunter.it/Natura/ArchivioNews/tabid/220/newsid734/7866/Default.aspx

    Ohibò, non puoi distrarti un giorno che subito ne arrivano a valanghe.

    Vabbè, vedrò di farne due se ci riesco.
    Sic!

    luciano ardoino

    aprile 6, 2011 at 20:40

  10. @frap

    Ma cosa c’entrano tutti quei 4 ministri nella commissione interministeriale CNI Unesco?

    http://www.unesco.it/cni/index.php/news?start=16

    L’organico è composta da tutt’altre persone o no?
    E poi mancano altri ministri o no?
    Bho!

    luciano ardoino

    aprile 6, 2011 at 22:25

  11. E la Brambilla che cosa c’entra?
    😦

    luciano ardoino

    aprile 6, 2011 at 22:28

  12. […] ai primi di novembre del 2010, con la tappa di Colonia ed è poi ripreso a fine marzo 2011 con la tappa di Vienna. Berlino e Francoforte “saltarono” e furono sostituite con tappe aggiuntive, nel […]

  13. […] ai primi di novembre del 2010, con la tappa di Colonia ed è poi ripreso a fine marzo 2011 con la tappa di Vienna. Berlino e Francoforte “saltarono” e furono sostituite con tappe aggiuntive, nel […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: