Magic Italy

"I numeri di Italia.it sono la base di partenza di un progetto più ampio basato sulle 3 C del turismo digitale: Coopetition, Condivisione e Connessioni."

Magic Italy in tour a Göteborg

with 12 comments

Prossime tappe (38% rimanente del tour):

  • Stockholm – Sweden, 21-24 June – [Kungsträdgården]
  • Copenaghen – Denmark, 29 June – 2 July – [Axeltorv]
  • Lyon – France, 7 – 10  July – [?]
  • Barcelona – Spain, 14 – 17 July – [?]
  • Madrid – Spain, 21- 24 July – [?]
  • Lisbon – Portugal, 28 – 31 July – [?]
  • Frankfurt – Germany, 4 – 7 August – [?]
Tutto il resto è noia.

Written by frap1964

giugno 20, 2011 a 20:43

Pubblicato su Magic Italy

Tagged with ,

12 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Altro “fiasco” di-vino.
    Non una zummata su campo lungo per evitare di far vedere che non c’era praticamente nessuno, e quel poco che si vede conferma questa teoria.
    Ancora due mesetti, caro frap, e sapremo il tutto attraverso qualche “soffiata” di chi c’era e che deluso aprirà bocca…anzi digiterà qualcosa nel web.
    Si sa come vanno ‘ste cose.
    E se penso ai soldi che spendono per ottenere il nulla …..

    sic sic sic
    ;-(

    luciano

    giugno 20, 2011 at 23:20

  2. In effetti non si capisce proprio il senso totale del tutto.
    Se era cosa sostanzialmente indirizzata agli operatori, tanto valeva investire piuttosto su fiere di settore.
    Se doveva essere iniziativa indirizzata alla gente comune, palesemente, è stato un fiasco su tutta la linea.
    Non poteva che finire così, anche considerando da chi è arrivata l’idea: quando le competenze non ci sono, l’improvvisazione non è mai la soluzione.

    P.S. La zoommata in campo lungo avrebbe dimostrato palesemente che la cosa si svolgeva in un parcheggio. Vediamo se arriva un secondo video. E poi nemmeno cambiano la colonna sonora… (sic!). La gestione della comunicazione, va detto, fa veramente pena.

    frap1964

    giugno 21, 2011 at 09:41

  3. E fu fatto

    http://www.asca.it/news-TURISMO__IL_DESTAGIONALIZZATORE_E__NEL_SITO_ENIT-1027879-ORA-.html

    Adesso vado a leggermelo un pò e poi …
    😉

    luciano

    giugno 21, 2011 at 19:15

  4. luciano

    giugno 21, 2011 at 19:30

  5. Ho appena scoperto che col destagionalizzatore nel Trentino Alto Adige non ci va nessuno.
    E qui mi fermo nella ricerca.
    Per quanto riguarda la tua Toscana … vai e fatti due risate, che almeno fanno buon sangue.
    😉

    luciano

    giugno 21, 2011 at 19:36

    • E’ una roba che non ci si crede…

      Fai due click sulla stessa regione e non carica più le immagini.
      Ti muovi su qualche regione (Trentino, Emilia, Marche, Umbria, Puglia) e ti seleziona la regione confinante.
      Ma il colpo di genio sono le due frecce di scorrimento dei mesi che occupano il medesimo spazio dei due bottoni mancanti per arrivare a 12.
      Ma chi ha ideato la pagina web, Topo Gigio?

      “Destagionalizzazione: attrarre flussi stranieri in tutte le stagioni”, è il titolo dello Strumento di programmazione strategica messo a punto dall’ENIT, dopo più di 12 mesi di lavoro e disponibile ora nel sito web http://www.enit.it, che focalizza, in ogni mese dell’anno e per ogni Regione italiana, i mercati stranieri che esprimono significativi flussi di turismo verso l’estero e che richiedono prodotti turistici idonei ad essere soddisfatti con l’offerta regionale .

      frap1964

      giugno 21, 2011 at 20:25

    • Valle d’Aosta, Molise e Basilicata idem come sopra.
      Quindi siccome non ci sarebbero voli diretti, per il 20% delle regioni italiane questo strumento sarebbe pure totalmente inutile.
      Per le restanti invece, per come è fatto attualmente, uguale.

      Per ogni selezione Mese/Regione, è possibile visualizzare un elenco di Paesi di interesse divisi in base alla presenza o meno di collegamenti aerei diretti; con riferimento ai mercati collegati, è inoltre possibile visualizzare i prodotti turistici richiesti nei viaggi all’estero (evidenziati con una spunta verde quelli cui risponde l’offerta italiana) e la tipologia di clientela che viaggia.

      Mi piacerebbe sapere poi chi sarebbe il geniale autore-pensatore di questa emerita @a##ata, anche se temo di saperlo già.
      Un solenne encomio anche al grafico che ha ideato la pagina web.

      frap1964

      giugno 21, 2011 at 21:56

    • Ah… ho appena scoperto che in Toscana NON esistono laghi balneabili e/o a vocazione turistica.
      Inoltre, a ottobre, la montagna, pur richiesta, è indisponibile.
      Non dico cosa penso di questa emerita §Tr°N#@T@ perché potrei andare oltre i limiti del consentito e poi a scuola, in geografia, ero una chiavica (ma questi però non li batte nessuno).

      frap1964

      giugno 22, 2011 at 02:45

  6. Mi unisco al tuo timore ma non riesco a capire il come si possa mettere nel web questa “cosa” (dico “cosa” perchè stasera mi sento gentile) e pubblicizzare la “cosa” anche con delle dichiarazioni che sono apparse nelle varie testate del turismo nazionale.
    Ma dico … no, meglio che non dico.

    Oibò, 170.000 euro all’anno

    luciano

    giugno 21, 2011 at 22:32

    • E’ per caso la “Cosa” dei Fantastici Quattro (MVB, Marzotto, Rubini e il Destagionalizzatore)?

      …uno strumento di supporto all’attivita’ di marketing strategico e promozione che, partendo dall’analisi dei flussi mensili dell’outbound di 22 paesi, delle caratteristiche della domanda, delle diverse tipologie di clienti, dei prodotti richiesti in ogni mese dell’anno, ha individuato le Regioni che annoverano tali prodotti nella propria offerta – sia potenziale (presenza o meno della tipologia di prodotto turistico richiesto), sia reale (presenza o meno di idonei collegamenti aerei, chiaramente per le destinazioni non confinanti) – permette una efficace programmazione strategica in ogni periodo dell’anno, favorendo la riduzione della stagionalita’ e, quindi, un aumento del tasso di occupazione delle nostre strutture turistiche.

      La stagionalita’ dei flussi turistici rappresenta uno degli elementi che rendono meno solido lo sviluppo della nostra offerta nazionale e meno concorrenziale il nostro rapporto qualita’/prezzo, da qui l’esigenza dell’avvio di questo importante progetto ENIT.

      Come riescano a scrivere queste cose ed a rimanere seri è davvero incredibile: io li ammiro. Veramente.

      P.S. Con la versione cinese del portalone pensavo si fosse toccato il fondo. Mi sbagliavo. Con questa “roba” han trivellato alla grande. 170.000 pedate nel @#l°, altro che euro.

      frap1964

      giugno 22, 2011 at 01:23

  7. Frap questo non perderlo, è un grande


    😀

    luciano

    giugno 21, 2011 at 23:03

  8. […] (Tempo di lettura stimato per questo post 81 secondi)“E’ una roba che non ci si crede – è il commento dell’utente Frap 1964  sul blog collegato al portale turistico governativo Italia.it  – Fai due click sulla stessa […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: