Magic Italy

"I numeri di Italia.it sono la base di partenza di un progetto più ampio basato sulle 3 C del turismo digitale: Coopetition, Condivisione e Connessioni."

Madrid: un nutrido programa de eventos!

with 8 comments

Programa de eventos

Written by frap1964

luglio 21, 2011 a 13:45

Pubblicato su Tragic Italy

Tagged with ,

8 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Assolutamente ripetitivo e per niente originale … nemmeno un “penoso” gratta e vinci con premi turistici nel Bel Paese …

    Ecchecavolo è!

    Sic!😦

    luciano

    luglio 21, 2011 at 21:26

    • Il problema non è tanto la ripetitività, secondo me, quanto la sostanziale inconsistenza degli eventi proposti.
      Peraltro definiti nei verbali di gara “in piena coerenza con il progetto”, ritenuto e valutato dalla commissione giudicatrice come “originale e funzionale”.
      Su questa parte, cioè i servizi aggiuntivi, chi ha vinto la gara ha preso 5 punti di valutazione, cioè il massimo possibile.

      E siam fermi alla baby dance, ai puzzle e al karaoke, ma voglio dire…
      ma per piacere !!

      E poi abbiamo avuto il coraggio di presentare ‘sta cosa sul portalone come:

      Le eccellenze nel campo della arte, della creatività e dell’enogastronomia dei nostri territori saranno in mostra per quattro giorni, nelle piazze di 19 città d’Europa.

      E le eccellenze, qui, quali sarebbero di grazia? La pizza acrobatica?

      Diciamolo chiaro una volta per tutte: questo tour, dal punto di vista comunicativo, è stato e sarà un flop co-los-sa-le.
      E non solo sul web.
      Dove han pubblicato il programma eventi, per la prima volta, a cinque tappe dalla fine tour.
      Se questa poi è una primaria agenzia di comunicazione… con tanto di esperti di web-marketing, figuriamoci allora quelle “normali” cos’erano.

      Alla “Struttura di missione per il rilancio dell’immagine dell’Italia” e a Buonitalia dovrebbero solo vergognarsi, imho.

      frap1964

      luglio 21, 2011 at 22:06

  2. “Diciamolo chiaro una volta per tutte: questo tour, dal punto di vista comunicativo, è stato e sarà un flop co-los-sa-le.”

    E quale aggettivo useresti per definirne i costi?
    Vabbè vabbè, dai non lo dire, che provo ad immaginarlo.

    luciano

    luglio 21, 2011 at 22:44

    • A proposito di conti e di costi… buon divertimento!

      Nell’ambito del programma di comunicazione innovativo “Italia much more”, sviluppato in attuazione della convenzione stipulata tra ENIT, RAI e RAI TRADE, è stato realizzato uno spot promozionale in tre versioni della durata di 60, 30 e 15 secondi, concepito quale cornice di immagini denotate da profonda attrattività e modularità, all’interno della quale è possibile inserire riferimenti a prodotti e risorse turistiche specifiche.
      Tale programma – che aveva dato luogo, nel 2008, alla assunzione di impegni pari ad € 4.435.576 (capitolo 105160: progetti promozionali speciali) e nessuno stanziamento per l’anno di competenza – si è sviluppato, nel 2009, utilizzando soltanto la gestione dei residui.

      Dalle conclusioni: La campagna ha prodotto complessivamente 416.941.085 contatti tra il pubblico attraverso le diverse linee di comunicazione utilizzate.

      Il rapporto, fra il 2008 e il 2009, fra le spese promozionali (€ 28.870.090 per il primo anno, € 18.793.935 per l’anno successivo), da una parte, e le spese per gli Organi dell’Agenzia, le spese per il personale e le spese generali (complessivamente, euro 24.444.358 ed euro 21.533.436), dall’altra, si attesta, per il 2009, all’87,28%, notevolmente peggiorativo rispetto a quello dell’anno precedente (113%), il che, peraltro, è agevole comprendere stante la notevole diminuzione delle spese per prestazioni promozionali (- 34,90%) rispetto alla evidente rigidità della spesa per il personale (che, infatti, è aumentata del 2,40%).

      Dalle conclusioni: tale contrazione – tenendo conto della rigidità della spesa per il personale – ha inciso notevolmente sul ridimensionamento dell’attività istituzionale (fino al punto che la spesa per “pubblicità su stampa radiotelevisiva e varia” si è quasi azzerata nel 2009, passando da € 10.774.034 nel 2008, a € 458.096 nel 2009).

      E meno male che ‘sto Governo voleva fare “finalmente una politica nazionale del turismo“.

      frap1964

      luglio 21, 2011 at 23:17

    • Tra gli “investimenti mobiliari” si segnala la partecipazione alla Società “Promuovi Italia” (costituita nel 2004), di cui, nel 2007, l’Ente ha acquisito l’intero Portafoglio (capitale sociale: € 11.000), mentre, nel corso del 2008, il capitale sociale è stato elevato ad € 100.000. In data 15 settembre 2009, l’Assemblea Straordinaria della Promuovi Italia ha disposto, da una parte, la trasformazione della Società da s.r.l. in s.p.a, e, dall’altra, l’aumento del capitale sociale di € 20.000,00, utilizzando parte della riserva straordinaria.
      Le funzioni fondamentali consistono nello “svolgere azioni di promozione turistica, fornire consulenza tecnica per la definizione ed attuazione di politiche di sviluppo nel settore del turismo in Italia nonché nei principali Paesi europei ed extraeuropei” e nel “fornire supporto e consulenza tecnica alle Amministrazioni territoriali e locali per le attività di concertazione, progettazione ed attuazione di programmi ed iniziative multilaterali o integrate di sviluppo turistico promossi dall’UE e dallo Stato”.
      Il patrimonio netto al 31 dicembre 2009 ascende ad € 178.903,00 (capitale sociale, euro 120.000; riserva straordinaria, euro 56.208,00; reddito di esercizio 2009, euro 2.695,00). Con riferimento a tale Società in house, è opportuno segnalare che, con decreto in data 23 novembre 2010, il Dipartimento competente – in esecuzione di due direttive del Ministro del turismo – ha disposto il versamento all’ENIT della somma di euro sette milioni, che deve essere riversata in un’unica soluzione alla Promuovitalia s.p.a., al fine dell’aumento del capitale sociale della società stessa (per un milione) e del finanziamento (per la somma restante), per tre anni, delle attività (specificamente indicate) che dovranno essere svolte da una società in house di nuova costituzione (e denominata “Convention Bureau s.p.a.”). La somma di euro sette milioni è stata incassata dall’ENIT verso la fine del mese di dicembre 2010.

      frap1964

      luglio 21, 2011 at 23:36

  3. Però!
    😉

    luciano

    luglio 21, 2011 at 23:42

    • Nota curiosa finale della Corte dei Conti sulla retribuzione dei membri dei vari organi collegiali:

      È da rammentare, al riguardo, che, ai sensi dell’art. 6, comma 1, del decretolegge n. 78/2010, convertito nella legge n. 122/2010, a decorrere dalla data di entrata in vigore del medesimo decreto-legge (31 maggio 2010), la partecipazione agli organi collegiali di cui all’art. 68, comma 1, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito nella legge 6 agosto 2008, n,133, è onorifica; essa può dar luogo esclusivamente al rimborso delle spese sostenute ove previsto dalla normativa vigente, mentre eventuali gettoni di presenza non possono superare l’importo di 30 euro a seduta giornaliera qualora già previsto dalla precedente normativa.

      Chissà se anche il CB e PromuovItalia sono ora soggetti alla medesima norma.
      Nel qual caso il tuo amico PR ed il resto del “magico trio” qui lavorerebbero sostanzialmente per la gloria.

      frap1964

      luglio 22, 2011 at 00:07

    • Sulle retribuzioni degli organi collegiali in ENIT:

      Il decreto del 29 luglio 2009 del Ministro del turismo di concerto col Ministro dell’economia e delle finanze ha determinato gli importi annui lordi delle indennità spettanti alle varie cariche dell’Agenzia:

      € 56.890,00 per il Presidente – rappresentante legale;
      € 12.515,00 per il Vice Presidente;
      € 11.377,00 per i Membri del Consiglio di amministrazione;
      € 11.125,00 per il Presidente del Collegio dei revisori;
      € 9.270,00 per i Membri effettivi del Collegio;
      € 1.854,00 per il Membro supplente.

      Inoltre, è stato fissato, nella misura di € 103,00, l’importo del gettone di presenza spettante ai componenti del Consiglio di amministrazione, ai componenti del Collegio dei revisori e al Magistrato della Corte dei conti, per la partecipazione alle riunioni degli organi di amministrazione e di controllo.
      La spesa per gli Organi dell’Ente è stata pari, nel 2009, ad euro 458.965,46, con un incremento del 32,31% rispetto all’anno precedente (€ 346.892,54); ma tale incremento è da attribuire in gran parte al pagamento degli
      arretrati per gli anni 2006, 2007 e 2008 (€ 81.283,84) in conformità alle disposizioni contenute nel citato decreto 29 luglio 2009, con la conseguenza che la spesa “effettiva di competenza” è pervenuta alla somma di euro 377.681,62, che evidenzia un aumento dell’8,88% rispetto all’anno precedente (ma si deve tenere conto, a sua volta, che la spesa del 2008 – euro 346.892,54 – deve essere rideterminata in euro 393.820,58 proprio per effetto degli arretrati relativi all’anno stesso, € 46.928,4; ne deriva una diminuzione del 5,90% del 2009 rispetto al 2008).

      frap1964

      luglio 22, 2011 at 00:13


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: