Magic Italy

"I numeri di Italia.it sono la base di partenza di un progetto più ampio basato sulle 3 C del turismo digitale: Coopetition, Condivisione e Connessioni."

italia.it: gli input giusti

with 11 comments

 “Il portale passerà all’Enit quando il decreto del ministro sarà registrato.
Sarà compito dell’Enit portarne avanti i contenuti.
Abbiamo però già iniziato a lavorarci e a vedere cosa bisogna cambiare, dando gli input giusti”

Lo ha detto Andrea Babbi, direttore di ENIT, al forum ANSA una decina di giorni fa.

A tutti coloro che, entusiasti, dopo il primo annuncio del neo-direttore sul palco del BTO di Firenze del 29 novembre 2012  (tre mesi fa!) hanno esultato per questa splendida e confortante notizia, andrebbero forse ricordati alcuni piccoli e trascurabili dettagli.

AndreaBabbiBTO2012“Innovazione, innovazione, innovazione”

Con un protocollo d’intesa firmato il 15 gennaio 2009 dall’allora sottosegretario al turismo Michela Vittoria Brambilla (MVB) e da Renato Brunetta, ministro della Pubblica Amministrazione ed Innovazione, la responsabilità di gestione del portale italia.it veniva trasferita al Dipartimento per lo sviluppo e la competitività del turismo (DSCT) presso la Presidenza del Consiglio, dipartimento guidato allora da MVB.
Unitamente alla ragguardevole somma di dieci milioni di euro.

Il DSCT è stato sciolto il 21 giugno 2012 dal governo Monti e trasformato in semplice Ufficio per le politiche del turismo presso il Dipartimento degli Affari Regionali, Turismo e Sport della Presidenza del Consiglio, retto, ancora per poco, dal ministro senza portafoglio Piero Gnudi.

MVB affidò nel luglio 2009 la realizzazione tecnica del portale ex-novo ad ACI Informatica società in-house di ACI, ente vigilato dal DSCT.
La società garantisce ancora l’hosting del sito sui suoi server, ma non sembra però navigare attualmente in acque molto tranquille.
Nonostante i 510 dipendenti (di cui 34 dirigenti)  il management a fine gennaio 2013 ha deciso di subappaltare all’esterno la manutenzione evolutiva, migliorativa e correttiva di tutti i portali e siti web sviluppati internamente dalla società.
Tra cui figurano appunto il portale nazionale del turismo italia.it e la community JoinItaly.
La gara a procedura aperta, per un importo di 1.570.600 € + IVA in due anni, si chiuderà il 18 marzo 2013.

AciInformaticaGara

(vedi QUI a pag. 7)

Scrive oggi la RSU di ACI Informatica

Questa gara è incomprensibile perché in azienda è presente personale in grado di svolgere tale attività senza bisogno di ricorrere a nessuna consulenza esterna.
In pratica sono soldi buttati: quali interessi giustificano questo sperpero?

Nel maggio 2010, cioè un anno dopo la trionfale presentazione del “nuovo” risparmioso portale, MVB incaricò Promuovitalia, società al 100% partecipata di ENIT, altro ente vigilato dal DSCT, di indire un bando di gara triennale per l’assegnazione dei servizi redazionali del portale italia.it; durata dei servizi pari a trentasei mesi ed importo a base d’asta di 2.030.000,00 euro + IVA.

Sempre tramite Promuovitalia, pochi mesi prima, venivano stipulati per “delegazione interorganica” cinque contratti di consulenza di durata triennale per altrettanti project managers che avrebbero dovuto occuparsi di tecnologie ed innovazione, di comunicazione digitale e social network, della promozione e del coordinamento della redazione del portale.
I contratti, secondo Il Fatto Quotidiano, dovrebbero vedere la loro scadenza naturale proprio tra una ventina di giorni, il 21 marzo 2013.
Tra questi, a quanto pare, figurerebbero quelli di due stretti collaboratori dell’ex-ministro ora neo-deputato MVB e per i quali la Rossa di Calolziocorte aveva fatto dettare alle agenzie:

“Quanto, infine, ai signori Luca Moschini ed Edoardo Colombo, appare sufficiente evidenziare che gli stessi prestano la loro collaborazione in favore degli Uffici, facenti capo al Ministro del Turismo, a titolo totalmente gratuito, e non hanno, perciò, percepito, né percepiscono, alcun compenso a carico dei predetti Uffici”.

Tutto questo in occasione di un’ annunciata querela milionaria del dicembre 2010 nei confronti de Il Fatto Quotidiano, reo di aver pubblicato alcuni articoli dal contenuto “gravemente diffamatorio” nei confronti della stessa MVB e del DSCT.

Due mesi e mezzo prima, il 6 ottobre 2010, venivano aperte le prime buste di gara da Promuovitalia SpA.

Un mese dopo, il 17 novembre 2010, la gara d’appalto sui servizi del portale italia.it veniva assegnata al RTI Monrif-PaesiOnLine-Zeppelin.
Seguirono immediati annunci di ricorso al TAR.

Edoardo Colombo, divenuto nel frattempo coordinatore del Comitato per l’innovazione nel turismo italiano e dal 31 maggio 2011 nel CdA dell’Agenzia per la diffusione delle tecnologie per l’innovazione, a precisa domanda confermò nel corso del BTO 2011 che effettivamente tutto il progetto dei contenuti del portale italia.it era fermo da tempo a causa di un contenzioso di gara.

EdoColomboCV(vedi QUI a pag. 10)

Il contenzioso si è effettivamente chiuso solo il 30 marzo 2012, dopo ben sedici mesi, con la riaggiudicazione definitiva dell’appalto alla seconda classificata Unicity SpA; il contratto operativo dovrebbe essere stato firmato nel maggio 2012, per cui la sua scadenza naturale (tre anni) arriverà solo nel maggio 2015.

Il ministro Gnudi, in risposta ad un articolo di Gian Antonio Stella, il 28 aprile 2012, scrisse al Corriere che


il 7 febbraio 2012 il Consiglio di Stato ha rigettato la richiesta di sospensiva, rendendo esecutiva la sentenza del Tar Lazio. A seguito di tale decisione, e quindi solo dopo il 7 febbraio scorso, io sono stato posto nelle condizioni di decidere se aggiudicare la gara a Unicity, secondo quanto descritto nel bando (in quanto come noto non è possibile modificare i contenuti del bando perché ciò porterebbe a impugnative da parte di tutti i partecipanti alla gara) oppure chiedere a Promuovi Italia di procedere alla revoca della gara tenendo ben presente che, in tale ipotesi, l’ amministrazione avrebbe dovuto indennizzare la società aggiudicataria. Per procedere comunque avrei dovuto formulare un nuovo bando, attendere una nuova aggiudicazione. Tutto ciò non solo sarebbe costato di più ma si sarebbe concluso ben oltre il mandato dell’ attuale governo. Stiamo lavorando per riuscire ad avere presto un sito all’ altezza dell’ Italia, come auspicato dal dottor Stella che comunque ringrazio delle sue critiche che mi hanno dato l’ occasione di fare chiarezza su una vicenda che mi ha dato tanti problemi e dispiaceri.

A distanza di dieci mesi da queste dichiarazioni l’ENIT è ancora in attesa della definitiva approvazione di un decreto del ministro Gnudi che, in teoria, dovrebbe riportare sotto il controllo dell’ente la gestione del portale nazionale del turismo dopo la disastrosa conduzione di gara (e controllo) di una sua società partecipata al 100%, cioè Promuovitalia SpADa notare che secondo statuto (vedi art. 4 comma 4.2):

I diritti dell’azionista sono esercitati secondo le indicazioni del Dipartimento per la competitività e lo sviluppo del turismo.
La Società svolge i compiti ad essa assegnati in forma di delegazione interorganica.

Non a caso nel CdA di Promuovitalia siede l’attuale capo-dipartimento per gli Affari Regionali, il Turismo e lo Sport (in precedenza c’era il capo-dipartimento del DSCT): lo prevede il punto 13.3 dello statuto.
La direzione generale della società è rimasta invariata dal novembre 2008.

La gara “incriminata” per i contenuti del portalone nazionale ha comunque vincoli ed obblighi precisi di capitolato che si estendono sino al maggio 2015.

Tra cui, ad esempio:


Filmati

Oggetto: la redazione deve garantire la realizzazione di specifici eventi, prodotti o personaggi della durata di 25-30 minuti da cui ricavare una serie di documenti visivi di 1-2 minuti da trasmettere tramite il portale. Il servizio deve comprendere sia le riprese che il montaggio con titolazioni e colonna sonora.
Aggiornamento: la redazione deve garantire un aggiornamento una volta al mese

Servizi fotografici
Oggetto: la redazione deve realizzare dei reportage fotografici su avvenimenti, prodotti o personaggi che richiedano l’impiego di risorse ed apparecchiature professionali.
Aggiornamento: l’aggiornamento deve essere garantito almeno due volte al mese

Calendario eventi
Oggetto: la redazione deve predisporre e poi aggiornare il calendario dei principali eventi nazionali da inserire costantemente nel portale.
Aggiornamento: la redazione deve garantire un aggiornamento settimanale

Schede informative
Oggetto: la redazione deve predisporre elaborati contenenti informazioni sulle principali città e luoghi di villeggiatura (accessibilità, accoglienza alberghiera, itinerari, mezzi di trasporto pubblici e privati, monumenti,ospedali, uffici pubblici, banche, uffici postali, ecc.).
Aggiornamento: l’aggiornamento deve essere garantito almeno una volta alla settimana

Recensioni di spettacoli e mostre
Oggetto: la redazione dovrà realizzare dei servizi televisivi e dovrà seguire gli eventi di cultura e di arte per aggiornare e approfondire le tematiche del portale; dovrà provvedere ad elaborare recensioni di film particolarmente significativi per l’attrazione turistica nazionale. Per ognuna delle tematiche descritte dovranno essere elaborate delle schede tecniche.
Aggiornamento: la redazione deve garantire un aggiornamento settimanale

 

Se ora i seguaci entusiasti della prima ora per il #nuovoENIT2013 volessero dare una rapida occhiata al portale del turismo italiano e provare a trovare e/o a riconoscere i filmati ed i servizi fotografici, nonché le recensioni dei film e le schede informative prodotte negli ultimi dieci (o anche solo tre) mesi dall’azienda aggiudicataria…

Sempre che ci riescano, naturalmente.

Written by frap1964

marzo 2, 2013 a 00:00

11 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Maremma Frap, un pezzo di storia raccontata come meglio non si può.

    … e quanti errori (voluti o non voluti) si potrebbero evitare con persone così.
    Meglio che non ci penso, va!😦

    luciano ardoino

    marzo 3, 2013 at 18:33

    • Innovare, innovare… ma ogni tanto fare anche esercizio di memoria, che fa sempre bene!😉

      frap1964

      marzo 3, 2013 at 18:50

  2. […] "Il portale passerà all'Enit quando il decreto del ministro sarà registrato. Sarà compito dell'Enit portarne avanti i contenuti. Abbiamo però già iniziato a lavorarci e a vedere cosa bisogna cambi…  […]

  3. Ciao, vedi i nuovi video di “Italia”..ce ne sono diversi..penosi: http://www.youtube.com/watch?v=N8raClqVPy0&feature=em-uploademail

    Crono

    marzo 22, 2013 at 00:31

    • Grazie per la segnalazione.
      Purtroppo siamo alle solite…

      frap1964

      marzo 22, 2013 at 02:24

      • eh si…”coppia matura”, manco ad un incontro di scambisti…

        Crono

        marzo 22, 2013 at 02:27

        • Coppia giovane, coppia matura… c’è del genio in tutto questo, imho.

          frap1964

          marzo 22, 2013 at 10:49

  4. Mamma mia 😦

    luciano ardoino

    marzo 22, 2013 at 10:36

  5. […] Qualche dettaglio che vale forse la pena di ricordare… […]

  6. […] ACI Informatica, società in-house di ACI, ente controllato dal DSCT. Che ne ha poi definitivamente esternalizzato la manutenzione nel marzo 2013. La gestione redazionale era stata invece affidata, per delegazione […]

  7. […] del portale nazionale del turismo e la sua gestione tecnica, che peraltro dal gennaio 2013 è stata data in outsourcing; la gestione redazionale del portale, invece, non è mai stata nelle mani di […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: