Magic Italy

"I numeri di Italia.it sono la base di partenza di un progetto più ampio basato sulle 3 C del turismo digitale: Coopetition, Condivisione e Connessioni."

italia[.it]: il sorriso dell’accoglienza e la condivisione di BTO Edu

with 4 comments

Dal resoconto dell’audizione del ministro Piero Gnudi in X Commissione Attività Produttive della Camera del 21/06/2012 u.s. [pag. 12, 13 e 14] di cui si era già parlato anche qui, erano emerse dichiarazioni dell’attuale ministro Gnudi:

Un’altra campagna che lanceremo a settembre prossimo si intitola «L’Italia siamo noi».
Vogliamo far capire a tutti che la percezione che il turista trasmette dell’Italia è certamente data dal monumento, ma anche da come viene trattato dall’operatore turistico e dal singolo cittadino.
È una questione di accoglienza, che ovviamente deve essere gestita da chi direttamente si occupa di turismo, ma è importante anche il modo, la qualità con cui il turista è trattato.
E questo, purtroppo, in Italia non sempre accade.

Sul sito ufficiale del governo, nella sezione campagne di comunicazione, di questa campagna non se ne vede la minima traccia (al contrario di altre).

Campagne1
Campagne2
Si scopre ora, e sempre grazie al progetto Governo del Turismo (o meglio, alla cache di Google del sito), che la campagna esiste davvero e che risale all’ottobre 2012.

GDV_11

Chi se ne sarebbe occupato? Ma chi se non l’irrinunciabile Struttura di Missione per il rilancio dell’immagine dell’Italia già vista all’opera QUI  e QUI?

Questi gli spot.

Premessa: è perfettamente inutile fare click sui video YT qui sotto, tanto sono privati per almeno un paio di settimane ancora. Ma non lo erano sino a qualche giorno fa.

Chi possiede attualmente le chiavi per la visione su YouTube di questi video pagati con denaro PUBBLICO ?
Un’associazione privata e senza fini di lucro denominata BTO Educational.

BTO Educational è un’idea che mette al centro la condivisione della conoscenza, senza compromessi, senza nessuna barriera.

Questo il canale YT del progetto Governo del Turismo.

GDV_12

Purtroppo a causa dell’avventatezza e/o imperizia di uno dei co-founder di BTO Educational, nei giorni scorsi, è stato pubblicata una beta del sito Governo del Turismo che, per quel che si legge, e secondo quanto confermato anche su Linkedin dai diretti interessati sarebbe questo:

Il progetto Governo del Turismo è promosso dalla Struttura di Missione per il rilancio dell’Immagine dell’Italia e si pone un primo obiettivo di fornire al pubblico una fotografia delle attività della Governance e di tutti quei soggetti portatori d’interessi collettivi che a livello centrale si occupano di promuovere l’Italia in chiave turistica.

L’obiettivo è che il progetto Governo del Turismo possa evolversi nel tempo da fotografia ad una specie di puntuale osservatorio permanente che offra a tutti i soggetti interessati uno sguardo d’insieme molto trasparente per “capire” come viene sostenuto il Brand Italia verso i propri mercati di riferimento.

Governo del Turismo è un progetto che non vuole entrare nel merito delle iniziative promosse dai vari soggetti “fotografati”, ma solo fornire una panoramica più organizzata possibile sui temi, offrendo a chi si occupa di turismo, chi vuole e deve progettare, a chi studia, chi fa ricerca, a chi lavora o lavorerà nel marketing turistico e infine a tutti i soggetti che fanno parte della lunga filiera turistico ricettiva di tutti i territori un punto di riferimento da cui partire per ulteriori approfondimenti, anche in chiave di partecipazione conversazioni sugli argomenti.

Governo del Turismo si ferma ad analizzare le attività dei tutti quei soggetti di Governo e portatori d’interessi collettivi impegnati a sostenere l’Italia a livello centrale: i promotori del progetto sono molto consapevoli che la Governance turismo in Italia è prevalentemente demandata alle singole Regioni e Province Autonome, proprio per questo mentre è abbastanza semplice trovare informazioni sulle attività di comunicazione, promozione, marketing a sostegno delle singole Destinazioni, difficilmente si riesce ad avere uno sguardo d’insieme di tutto quello che viene progettato e implementato a livello centrale a sostegno della Destinazione Italia.

Questa “fotografia“, per quanto si è capito sinora, sarebbe costata la modica cifra di 20.000 € + IVA  ed escluderebbe, a detta dei diretti interessati, sia il finanziamento della realizzazione del sito Governo del Turismo che la creazione del futuro “osservatorio permanente” sulle attività promozionali di alcune amministrazioni dello Stato.

GDV_6

Dopo la segnalazione di Guido Scorza su Leggi Oggi, poi ripresa da Webnews, è cominciata giustamente una ridda di domande e sono emersi interessanti dettagli cui han fatto seguito comportamenti perlomeno curiosi che gettano una luce poco chiara, per non dire inquietante, su tutto il progetto.

A quale titolo siano state consegnate ad un’associazione privata informazioni sinora non pubbliche su iniziative pagate con denaro pubblico e materiali MAI pubblicati su siti istituzionali e sul web, anch’essi pagati con denaro pubblico, unitamente ad un finanziamento di 20.000 euro + IVA (sempre denaro pubblico, eh),  è questione della quale il coordinatore della Struttura di Missione per il rilancio dell’immagine dell’Italia, Flavia Maria Coccia, dovrebbe essere chiamata a fornire spiegazioni da subito e non fra due settimane, io credo. Che ignori la normativa sulla trasparenza degli atti amministrativi delle pubbliche amministrazioni?

GDV_7

Infine che BTO Educational faccia della condivisione della conoscenza, senza compromessi, senza nessuna barriera un proprio vessillo sul sito dell’associazione e contemporaneamente adotti comportamenti imbarazzanti a dir poco e/o che vanno nella direzione esattamente opposta a quella dichiarata ai quattro venti è cosa, io credo, che si commenta da sé.

Perché bloccare la visione di filmati di pubblica proprietà sui quali, peraltro, non si detiene alcun diritto di proprietà intellettuale, ma di cui si è, non si sa come, in possesso su un canale YT non istituzionale?
Perché i filmati non sono già caricati e disponibili sul canale YT di JoinItaly che è invece un sito istituzionale?
A chi giova questa “finta” trasparenza e tutto questo?

Tra due settimane si saprà come stanno davvero le cose.
Forse.

4 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. […] Dal resoconto dell’audizione del ministro Piero Gnudi in X Commissione Attività Produttive della Camera del 21/06/2012 u.s. [pag. 12, 13 e 14] di cui si era già parlato anche qui, erano emerse dich…  […]

  2. […] Se ne era già parlato qui. […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: