Magic Italy

"I numeri di Italia.it sono la base di partenza di un progetto più ampio basato sulle 3 C del turismo digitale: Coopetition, Condivisione e Connessioni."

italia.it: interrogazione del M5S

with 6 comments

La deputata Mara Mucci del M5S, consulente informatico e membro della X Commissione Attività Produttive della Camera, ha presentato il 18 ottobre un’interrogazione parlamentare a risposta in commissione (5/01248) sul progetto del portale italia.it.
Cofirmatario è il deputato Aris Prodani del M5S, anche lui membro della medesima commissione.
Entrambi erano intervenuti con osservazioni e domande al termine dell’audizione del ministro Massimo Bray del 16 ottobre u.s.

Ministero destinatario: MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA’ CULTURALI E DEL TURISMO
Attuale delegato a rispondere: MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITA’ CULTURALI E DEL TURISMO delegato in data 18/10/2013

Atto Camera

Interrogazione a risposta in commissione 5-01248

presentato da
MUCCI Mara
testo di
Venerdì 18 ottobre 2013, seduta n. 100

MUCCI e PRODANI. — Al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo. — Per sapere – premesso che:
il progetto «Scegli Italia», approvato dal Comitato dei Ministri della società dell’informazione in data 16 marzo 2004, aveva l’obiettivo di incrementare i flussi turistici nazionali ed internazionali mediante l’uso di tecnologie digitali;
il decreto del Ministro per l’innovazione e le tecnologie del 28 maggio 2004 ha stanziato 45 milioni di euro per il sopracitato progetto;
l’articolo 12 del decreto-legge n. 35 del 2005 ha disposto l’avvio del progetto «Scegli Italia.it», destinato alla promozione su rete internet «marchio Italia» nel settore del turismo;
il decreto del Ministro per l’innovazione e le tecnologie del 7 luglio 2005 ha stanziato altri 2 milioni di euro per la promozione del suddetto portale;
il portale è stato pubblicato il 22 febbraio 2007;
il Governo, rilevata la inadeguatezza del prodotto finale, sia dal punto di vista tecnologico che dal punto di vista dei contenuti, decise di procedere alla chiusura del portale a partire dal 1ogennaio 2008;
il 15 gennaio 2009 il Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione e il Sottosegretario di Stato con delega al turismo firmarono un protocollo d’intesa per la realizzazione del portale nazionale del turismo, stanziando 10 milioni di euro, con l’obiettivo di promuovere e commercializzare l’immagine nazionale all’estero attraverso l’utilizzo della rete internet;
a quanto consta agli interroganti alcuni contenuti non sarebbero totalmente conformi ai 22 requisiti tecnici contenuti nel decreto del Ministro per l’innovazione e le tecnologie dell’8 luglio 2005, approvato conformemente a quanto previsto nella legge n. 4 del 9 gennaio 2004 recante «Disposizioni per favorire l’accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici» e nel regolamento di attuazione del decreto del Presidente della Repubblica n. 75 del 1o marzo 2005, tanto che sul sito di che trattasi si invitano gli utenti a segnalare eventuali problematiche all’indirizzo accessibileaccesibile@italia.it;
il sito portale italia.it non è presente nelle classifica (ranking) di Google relativamente alle ricerche sull’Italia e sui suoi monumenti;
la versione inglese del sito appare una mera traduzione dei testi italiani presenti senza alcun adattamento;
il sito si visualizza abbastanza bene anche sui dispositivi mobili ma la pesantezza delle immagini non favorisce la responsività;
i turisti che cercano notizie su eventi di rilievo di una città trovano sul sito informazioni scarne, didascaliche e statiche;
in data 30 marzo 2012 Promuovi Italia aggiudica ad Unicity spa, la seconda classificata, il bando di gara del 17 ottobre 2010 sui contenuti del portale, operazione poi bloccata in seguito a un doppio ricorso al Tar da parte di Unicity e di Theblogtv;
in data 31 gennaio 2013 Andrea Babbi, direttore generale di Enit afferma che l’Agenzia del turismo è in attesa di ricevere formalmente l’incarico di gestione del portale Italia.it;
il budget finora stanziato è completamente ingiustificato per quanto prodotto –:

se il Ministro interrogato siano a conoscenza di quanto sopra riportato;
se il Ministro ritenga che il portale Italia.it rappresenti un importante canale di sostegno del turismo italiano;
se il Ministro interrogato non ritenga di intervenire urgentemente affinché il portale Italia.it ad oggi disomogeneo e senza una linea guida che invogli l’utente a visitarlo, offra al turista non solo la mera descrizione del patrimonio ambientale, storico, architettonico, enogastronomico, ma la possibilità di poter prenotare presso le strutture turistiche il proprio soggiorno e di poterne valutare la qualità;
se il Ministro interrogato ritenga che il portale Italia.it debba offrire dei pacchetti di itinerari al turista che prevedano la scelta di percorsi già delineati in modo da facilitare l’utente nella programmazione del proprio viaggio ed invogliarlo nella visita del nostro Paese, proprio come accade sui portali di altre nazioni europee;
se il Ministro interrogato intenda utilizzare il portale Italia.it per offrire alle regioni e agli enti locali una vetrina internazionale dove vi sia la possibilità non solo di diffondere online la conoscenza dei propri territori ma anche di coordinarsi e interfacciarsi con altri enti e soggetti aggregatori di servizi turistici;
se il Ministro ritenga di chiarire relativamente al portale Italia.it quante e quali siano state le attività svolte e in corso e l’ammontare dei fondi speso e ancora disponibile. (5-01248)

Written by frap1964

ottobre 21, 2013 a 21:44

6 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Sì vabbè, ma al loro posto avresti saputo fare di MOOOOOOOLTO meglio, caro Frap.

    luciano ardoino

    ottobre 21, 2013 at 22:49

    • Comunque tutti i riferimenti vari sono corretti e già questo non è poco, imho.
      Per il resto, in passato, io ho già dato (senza risposta, ahimè).😉

      frap1964

      ottobre 21, 2013 at 22:58

      • … e dove credi che abbiano preso queste informazioni😉

        luciano ardoino

        ottobre 21, 2013 at 23:48

      • L’unica cosa buona è i lriferimento alla legge stanca e alle prenotazioni…. le altre cose sono sbagliate….
        l’inglese è buono, le notizie ci sono e non sono scarne… sono troppe…e ci sono categorie e motore di ricerca che indirizzano la visita…
        speriamo non si risolva nell’ennesima figura di merda….

        alessandro de cattani

        novembre 3, 2013 at 14:39

  2. […] La deputata Mara Mucci del M5S, consulente informatico e membro della X Commissione Attività Produttive della Camera, ha presentato il 18 ottobre un'interrogazione parlamentare a risposta in commis…  […]

  3. […] prossimo, a soli 5 mesi dalla sua presentazione, l’interrogazione a risposta in commissione n. 5/01248 presentata dalla deputata Mara Mucci […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: