Magic Italy

"…entro la metà dell'anno prossimo conto di portare a termine questo progetto."

italia.[enit]: grazie perché…

with 3 comments

Dopo un anno e mezzo intenso e costruttivo, Roberta Milano lascia l’incarico di digital strategist di Enit, senza contrasti con l’Agenzia.

Una scelta dettata da motivi personali che l’ente di promozione sceglie di non commentare.

Così Paola Baldacci, columnist di Guida Viaggi, nel silenzio pressoché generale del web turistico italico, social vari e sito Enit compreso, ha salutato il 13 novembre scorso l’ormai ex direttrice del marketing digitale turistico nazionale di Enit.

Milano_addio

Dimenticando però, l’amica giornalista, di ricordare e/o di linkare, nel pezzo, quel suo stesso post che appena 15 mesi prima ne salutava la nomina con i toni trionfalistici ed entusiasti di larga parte del web 2.0 turistico italico: quasi un nuovo miracolo italiano e,  finalmente, “... una di quelle cose sensate che capitano raramente“.

En passant la notizia dell’ imminente abbandono era già trapelata, ma in totale sordina, il 2 novembre scorso in un articolo di Alberto Crepaldi, una delle poche voci dissonanti sull’andazzo generale dell’Agenzia Nazionale del Turismo italiano degli ultimi anni, insieme a questo piccolo blog ed a quello di Luciano Ardoino, sempre molto diretto e tranchant nel raccontare e commentare ciò che appare, ai suoi occhi, ma non solo, come tuttosbagliatotuttodarifare nel turismo analogico e digitale del nostro beneamato Paese.

Quel post di 15 mesi fa di Guida Viaggi, e quello di 13 giorni addietro, andrebbero però riletti con una certa attenzione, se non altro per tentare di capire ed interrogarsi sul significato di certi imbarazzati ed imbarazzanti silenzi di oggi.

E magari per provare a tracciare un qualche bilancio dei 15 mesi di lavoro “intenso e costruttivo” in Enit, sia detto e ricordato sottovoce, remunerato con i soldi pubblici di tutti quanti noi (€ 95.000/anno + premi 20%).

  • Cercherò prima di tutto di connettere energie, competenze e persone” (Roberta Milano)
  • “I numeri di italia.it sono la base di un progetto più ampio basato sulle 3 C del turismo digitale: Coopetition, Condivisione e Connessioni.” (Roberta Milano)
  • “Una grande donna per una grande missione” (Riccardo Luna, ex digital champion, Twitter)
  • “E ora @robertamilano potrai finalmente unire i puntini” (Insopportabile, Twitter)
  • “Stay hurd, stay angry, stay alive” (Paola Baldacci, Faceebook)

Che ne sia stato, poi, della promessa di mettere “tutta la competanza e la passione di cui sono capace nel lavoro” bisognerebbere forse chiederlo, oggi, alla sabauda Evelina Christillin, presidente renziana di ENIT, dopo il percorso “di strategia e di azione“, compiuto insieme e con religiosa pazienza, nei tristi meandri della burocrazia romana del MiBACT.
Oppure, talvolta, tra Twitter e le verdi ridenti colline di San Gimignano e Monteriggioni.
Per la cronaca e l’amor di precisione, però, la tappa in foto della via Francigena dovrebbe magari essere la n.32 e non la n.31, ma questi sono piccoli e trascurabili dettagli.

Chistillin_Francigena

O interrogare Fabio Lazzerini e Gianni Bastianelli, consigliere e direttore esecutivo di ENIT, che in assoluta coerenza con il mantra “Serve velocità” del TTG di un anno fa, questa estate hanno inforcato una rombante moto Guzzi tricolore, in più di un week-end, per andare per-so-nal-men-te, con la Roberta e la rivista Motociclismo, a promuovere i più bei borghi italiani del nostro centro Italia su Facebook e su Twitter.
Impavidi e senza casco… ma solo prima della partenza, però.

Bastianelli_Zavorra
Loro che 15 mesi fa la vollero fortissimamente a bordo dell’ex “carrozzone romano” di via Marghera 2, e che però oggi hanno “scelto di non commentare“; e nemmeno di formulare sul web un misero “grazie per il lavoro che hai fatto“: personale, “istituzionale” o di circostanza che fosse.
Cercatelo il loro saluto e vediamo se, magari, a differenza di me, riuscite a trovarlo.
Il che fa oggettivamente sorgere più di un legittimo sospetto e/o perplessità sul presunto congedo “senza contrasti con l’Agenzia“.
Che poi… perché specificarlo se non c’è stato?
E perché tutto questo trasversale e quasi luttuoso silenzio per l’inaspettata e prematura dipartita, a poco più di un anno dalla nomina e dal tripudio generale dei tanti web-accoliti? Mistero.

Persino gli ex soci di BTO Educational non hanno proferito una sola parola su Facebook o cinguettato alcunché sul tragico epilogo: forse perché eccessivamente impegnati nell’organizzare a puntino il decennale del loro circolo annuale fiorentino.
Che si riunisce, immancabile, a fine di ogni novembre o inizi dicembre a Firenze.
Ingrati pure nel riservare, alla ligure amica, il piccolo spazio di 15 minuti da ospite di un GONG , giusto giusto per illustrare:

Un film tra desideri, successi, errori, improvvisazione, sostegno reciproco, armonie, scelte, equilibri precari, passione.

Una metafora del turismo, del turismo che abbiamo e di quello che vorremmo.

La realtà non è mai lineare, mai netta. La complessità è altissima.Ogni scelta può avere un costo, spesso molto alto se non si ha ben chiaro l’obiettivo.

Appunto.

E nemmeno quel Francesco Tapinassi, da tre anni un po’ stanco ed impegnatissimo funzionario del MiBACT con delega alle Politiche del turismo, che con la bruna digital strategist nel 2013 aveva vergato un fondamentale tomo su Turismo e Reput’azione; nemmeno lui le ha prestato sul web la benché minima attenzione in questo triste e un po’ delicato frangente.

E che diamine… ma proprio tutti assenti e distratti ?! 😀

Eppure i due, conoscendosi bene per pluriennale frequentazione in Toscana Promozione e BTO, avrebbero potuto e dovuto garantire, potenzialmente, chi al ministero e chi in Enit, quel “cambio di passo” da tanti anni auspicato nelle politiche nazionali del nostro turismo.
E invece…  e vabbé.

Ricordare ancora le tante promesse e le varie prodezze iniziali strategico-digitali della simpatica Ro3Berta Milano sarebbe quasi inclemente e poco elegante.
Qui è stata spesso criticata, talvolta leggermente canzonata, ma sempre con la segreta e remota speranza che, da qualche parte, prima o poi, qualcosa di utile, buono, innovativo e concreto potesse anche fare.

 

Ma alla fine, però, nemmeno il debutto della global page Facebook di italia.it, più volte annunciata, decantata e promessa si è riusciti a vedere dopo i 15 mesi di lavoro “intenso e costruttivo“.

Per questo a settembre presentiamo la global page di Facebook che accorperà tutte le pagine che hanno funzionato (o no) all’ estero e in Italia. (Roberta Milano)

Quella che Spain.info e LoveGreatBritain (ex Visitbritain) possono invece sfoggiare da tempo:

SpainBritai_GlobalPage


Italy_GlobalPage

Non parliamo poi del resto: degli indispensabili studi internazionali sul brand (arrivati a novembre 2017), dell’Osservatorio Nazionale del Turismo (sic!), del logo Italia da scaricare per tutti (?) e/o da rifare con pubblico concorso (mai visto), del laboratorio social (#@?!) e del fantomatico progetto di revisione del portale italia.it.

Ci stiamo provando, ma non è la priorità assoluta. (Roberta Milano)

Allora siamo tranquilli, perché il meglio deve ancora venire: su questo il consigliere Fabio Lazzerini ha recentemente assicurato che…

… è ancora in cantiere, per questioni di risorse, il rifacimento dell’ecosistema digitale, ma entro la metà dell’anno prossimo conto di portare a termine questo progetto.

Qui naturalmente ci si fida e gli si crede sulla parola, per tre fondamentali motivi.
Perché:

Dal punto di vista economico, invece, poiché i contributi concessi dall’Amministrazione Vigilante sono stati, di fatto, utilizzati in soltanto maniera parziale, i proventi dell’esercizio sono risultati largamente superiori ai costi.
E l’esercizio si è chiuso con un avanzo economico pari a Euro 15.857.914.

E i contributi concessi dall’Amministrazione Vigilante rappresentano conferimenti di risorse destinate a perseguire durevolmente e continuativamente le finalità istituzionali dell’Agenzia i quali, nella misura in cui non vengono spesi per competenza nell’esercizio di riferimento, possono assimilarsi alla stregua di ricavi differiti, ossia di risconti passivi. Il contributo così si configura astrattamente quale debito per impegni assunti nei confronti della collettività per servizi da rendere in futuro ovvero quale provento di competenza economica futura. Le risorse disponibili sono già state destinate all’erogazione di servizi aggiuntivi offerti nel 1° semestre 2017.

  • non è stata indetta, ad oggi, alcuna gara sul progetto, per quanto si può constatare sul sito di Enit; e i tempi medi della pubblica amministrazione, in materia di gare, sono ben noti a tutti;
  • presentando un indimenticabile ed unico incontro di formazione in Enit, voluto da Roberta Milano e denominato “Siamo ciò che connettiamo”  – User Experience Design e Architettura dell’Informazione al servizio del turismo, il futuro neo CCO di Alitalia, Fabio Lazzerini, ebbe a dire il 19 luglio ultimo scorso
    [vedi e ascolta dopo i primi 3.05 min.]:

… questa roba qui trasferirla in digitale è complicato, può essere complicato, o meglio è complicato per uno come me che non ci capisce nulla, invece magari per chi ne capisce è molto semplice...

… [seguono le solite banalità sul brand Italia] …

… in realtà l’ecosistema digitale del turismo, e io uso questo termine fin dal primo giorno che son qui, è un modo per non parlare di italia.it.
Purtroppo l’ecosistema digitale del turismo in Italia si chiama italia.it.
Usiamo ecosistema digitale del turismo perchè italia.it ti fa venire la scabbia solo a nominarlo, nel senso che… è un progetto nato vecchio, son stati spesi un sacco di soldi, polemiche inenarrabili di vario tipo… è un sito che fondamentalmente noi stiamo manutenendo perché permette di fare ben poco, non è al passo con la storia delle esperienze, non è al passo con un sacco di cose…

Abbiamo le competenze per lavorarci (?), ci lavoriamo, ma il lavoro non si può fare chiudendosi in ufficio… anche avendo Roberta Milano che sicuramente nel digitale del turismo è un nome di riferimento non basta, ecco… per cui abbiamo deciso di aprirci… ecc. ecc.”

Cosa abbiano pensato di connettere in Enit, negli ultimi due anni, ma soprattutto SE connettano o connetteranno qualcosa in futuro è francamente difficile dirlo.

E quindi quali siano i veri “motivi personali” che abbiano indotto la savonese Roberta Milano a lasciare il suo incarico direttivo di responsabile innovazione e digital marketing strategist in Enit non è proprio facile immaginarlo: o invece sì.

Nostalgia di casa o forse, volgendo lo sguardo indietro ed attorno con un po’ più di attenzione, è infine partito un improvviso quanto tardivo, ma sicuramente intelligente e volontario, scatto di orgoglio professionale e personale.
Non lo sappiamo davvero e, probabilmente, non lo sapremo mai.

Così anch’io la saluto come si fa e si dovrebbe fare con chi, ad un certo punto, ci lascia.
Con una piccola e vaga delusione però, qualche rimorso, tante parole, pochi rimpianti e diverse certezze.

Grazie che vai, per la tua strada, piena di sassi, come la mia.” 😀

 

Annunci

Written by frap1964

novembre 26, 2017 a 01:27

Pubblicato su Magic Italy

Tagged with , ,

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Come sempre… preciso, conciso e molto altro.
    a cui ho aggiunto alcune mie personali considerazioni

    luciano ardoino

    novembre 26, 2017 at 10:40

  2. […] progetto in questione sarebbe quello di rifacimento dell’attuale “ecosistema digitale” del turismo […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: