Magic Italy

"I numeri di Italia.it sono la base di partenza di un progetto più ampio basato sulle 3 C del turismo digitale: Coopetition, Condivisione e Connessioni."

italia[.it]: l’originale campagna su misura per te – [3/3]

with 3 comments

Puntata “bonus” numero tre per l’originale campagna “su misura per te” di ENIT, ente ormai prossimo al commissariamento, almeno secondo il decreto turismo [nota: bozza MIBACT 29/05/2014 – art. 16], provvedimento “rivoluzionario” (cit. ministro Dario Franceschini) approvato in tutta fretta dal Consiglio dei Ministri di Matteo Renzi, il 22 maggio ultimo scorso, in prossimità della tornata elettorale europea ed amministrativa.
E poi curiosamente “archiviato” per qualche successiva rielaborazione, ma non si sa bene dove, fino a questo momento.

Della campagna “made in Italy” avevamo già ripercorso il lungo e “travagliato” iter di gestione QUI e QUI.
Ma emerge ora, grazie a Francesco Marzoli, una significativa e simpatica novità.

Cominciamo col dire che, in risposta ad un articolo scarsamente informato e leggermente impreciso, comparso su Repubblica e ripreso qui e  sul web, l’attuale direttore generale di ENIT, Andrea Babbi, aveva manifestato una certa personale “stanchezza” sulla sua pagina Facebook

BabbiBarTurismo

procedendo poi alle opportune ed immediate richieste di rettifica, oltre che a dettagliate precisazioni sul sito di ENIT. Campagna, la sua, definita “di successo“, non si sa bene in base a quali oggettivi criteri e con tanto di numeri ufficiali sui costi.

Nel dettaglio i costi della Campagna che impegna circa € 4,7 mln :

1) per la creatività fornita dalla società Pomilio Blumm srl (ideazione, creazione di messaggi pubblicitari, coordinamento e monitoraggio) € 81.611,57 + Iva;
2) Spot Video “Le Piazze d’Italia”, (ideazione, realizzazione e produzione di 3 spot video della durata rispettivamente di 3 minuti, 60 e 30 secondi) fornito dall’Agenzia Can’t Forget Italy, € 33.060 + Iva
3) Altre spese: (colonna sonora, adattamento video e foto, applicazioni web) 26.800 + Iva
4) Acquisto spazi pubblicitari all’estero € 4,5 mln (Iva compresa)

Peccato però che altrettanto entusiasmo non si possa riscontrare nell’opinione di qualche membro del CdA di ENIT. Che dire… legittima e sacrosanta diversità di vedute.

madeInItaly_flaviacoccia

Comunque, secondo il punto 10 del capitolato di gara di questa campagna, l’ENIT:

acquista la proprietà piena ed esclusiva di tutte le opere realizzate, quali, a mero titolo esemplificativo, testi, lavori artistici o fotografici, slogan, immagini, displays, schemi di campagne o di azioni e di quant’altro oggetto della presente campagna, di tutti i diritti che ne derivano, nessuno escluso od eccettuato,  nonché la piena ed esclusiva proprietà dei supporti necessari alla riproduzione e al riutilizzo delle opere previste nella presente gara di appalto, indipendentemente dalla proteggibilità di tali opere in base al diritto d’autore.

Bene, si scopre ora che le sette immagini utilizzate per la campagna e visibili QUI, altro non sono che una mera rielaborazione grafica di foto già comparse ed utilizzate altrove, in vari siti di tour operator, hotel e campeggi: almeno cinque o sei, a quanto pare, sarebbero presenti anche in stock di immagini e/o in collezioni royalty free.

madeInItaly_Venezia

 

 

 

 

 

 

 

 

 


http://www.kalitheaviaggi.it/allegati_contenuti/catalogo_webox.pdf

foto di Jeremy Maude

madeInItaly_cinqueterre

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

http://www.dreamstime.com/stock-photography-scenic-view-ocean-harbor-colorful-village-vernazza-ci-cinque-terre-italy-image34146582

http://portlandfoodanddrink.com/a-bit-more-italy-what-more-steps/

http://www.fotosearch.com/photos-images/vernazza.html#comp.asp?recid=66810619&xtra=

http://it.123rf.com/photo_22816016_vista-panoramica-su-mare-e-porto-nel-pittoresco-villaggio-di-vernazza-cinque-terre-italia.html

madeInItaly_expo2015

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

?  (foto apparentemente tratta dal video di Can’t forget Italy o più probabilmente scattata durante le riprese e poi rielaborata (pure male, fare zoom): copy left, come tutti i lavori di Can’t forget Italy, d’altra parte)

madeInItaly_ascoli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

http://www.pinterest.com/pin/572520171352207442/

https://plus.google.com/101833866277093508204/posts

http://www.niggli.com/

(questa è una foto originale di Jörg Niggli, uno dei due (+6) videomaker del video Piazze d’Italia di Can’t forget Italy, rielaborata, copy left, come tutti i lavori di Can’t forget Italy, d’altra parte)

madeInItaly_bici

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

http://www.montagnaestate.it/madonna-di-campiglio/mountain-bike-dolomiti/

http://www.sporthotelplaza.it/sport-relax-estate.php

http://www.hotelcollini.it/offerta.php?id=50

http://www.campingvillage.travel/3685-camping-zoo.php

madeInItaly_stintino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

http://www.manageritalia.it/content/download/Informazione/Giornale/Settembre2013/PDF/09_nonsoloconsumi.pdf

madeInItaly_cimelavaredo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

http://it.fotolia.com/id/53505962

 

Non c’è che dire però, davvero niente male per una campagna creativa di Pomilio Blumm da € 81.611,57 + Iva€  98.750 gara originaria da € 140.000 iva compresa ): ribasso del 29%.

 

madeInItaly_criterigara

madeInItaly_pomilioblumm

 

 La Campagna, che comprende anche il video “Le Piazze d’Italia”, è stata concepita in un’ottica di collaborazione sinergica con il mondo delle imprese e con le Regioni italiane che ne hanno fornito una selezione di immagini e per promuovere l’Expo all’estero.

L’adozione del “copy left”, consentirà alle Regioni, alle Associazioni di imprese, agli Enti locali e alle realtà territoriali pubbliche e private di personalizzare il format della Campagna con l’implementazione anche di nuove immagini, in base a specifiche esigenze di target, di prodotto e di mercato di intervento, per azioni promozionali da realizzarsi all’estero, con proprio budget, in coordinamento con l’Agenzia.

 

N.B. copyright e copyleft non significano esattamente scopiazzare così, un po’ a caso, a destra e manca:
se l’ENIT lo potesse magari chiarire a qualche suo fornitore…

 

madeInItaly_babbimodel

madeInItaly_celhomadeInItaly_magic

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MaltaIsMore

 

 

 

 

italia[.it]: l’originale campagna su misura per te – [1/3]

italia[.it]: l’originale campagna su misura per te – [2/3]

italia[.it]: l’originale campagna su misura per te – [3/3]

 

Written by frap1964

maggio 31, 2014 a 14:47

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Manca l’entusiasmo manifestato da parte del presidente PierLuigi Celli 😉

    luardoino

    maggio 31, 2014 at 15:49

    • In perfetta sincronia, sempre il 16 maggio, ma sul più autorevole Corriere…😉

      Ma già il 14 marzo, in occasione della presentazione della campagna:

      In Italia «manca un progetto complessivo per il turismo che individui risorse, responsabilità e tempi», senza il quale non ha più senso «la solita giaculatoria che vuole che il turismo sia petrolio del Paese, mentre contribuisce al Pil per il 10% ma potrebbe rappresentare almeno il doppio di questo valore», ha aggiunto Celli, in occasione della conferenza stampa per la presentazione della campagna “Made in Italy”. «Serve innanzitutto una unitarietà di presentazione del Paese all’estero – ha detto Celli – mentre ogni Regione tende a presentare se stessa, con una frammentazione che non porta lontano. Se si va insieme sotto un marchio unico si è più credibili e si fanno, forse, meno brutte figure». E ancora, per Celli, l’Enit «deve poter avere un potere reale e anche risorse: abbiamo in dotazione ogni anno solo 18 milioni, meno di quanto dispongono alcune piccole Regioni, per fare promozione».

      frap1964

      maggio 31, 2014 at 17:06

    • Vivo apprezzamento per il CdA di ENIT ed il Ministero anche da parte di Promuovitalia, in liquidazione:😉

      “Anche la decisione della liquidazione di Promuovi Italia SpA è il punto di arrivo di un processo di recupero di trasparenza e di ristrutturazione realizzato dal Consiglio di Amministrazione in attuazione di indicazioni del Ministro del Turismo Gnudi, già nella primavera del 2012. Un processo laborioso e contrastato, purtroppo anche da alcuni componenti del CdA dell’azionista unico ENIT, che in alcune situazioni hanno impedito di prendere le decisioni dovute, con la conseguenza di nascondere la polvere sotto il tappeto. La disattenzione del Ministero e di qualche dirigente ha fatto il resto.”

      frap1964

      maggio 31, 2014 at 17:36


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: