Magic Italy

"I numeri di Italia.it sono la base di partenza di un progetto più ampio basato sulle 3 C del turismo digitale: Coopetition, Condivisione e Connessioni."

italia.it: aggiudicata definitivamente la gara a Unicity SpA

with 28 comments

Dopo la sentenza del TAR del Lazio n. 10288 del 29/12/2011,  l’ordinanza n. 526 del Consiglio di Stato del 07/02/2012 e le anticipazioni  di Panorama Economy del 28/03/2012, Promuovi Italia (ENIT) ha aggiudicato in via definitiva la gara per i contenuti del portale Italia.it alla seconda classificata Unicity Spa il  30/03/2012.

Il bando originale risale addirittura al 18/06/2010.
La prima aggiudicazione, ora dichiarata provvisoria, nei confronti del RTI guidato da Monrif Net srl risale al 01/12/2010; la comunicazione di allora la dava però come definitiva: di qui il ricorso.
Altre due imprese partecipanti al bando erano state escluse in precedenza per vizi di forma.
L’ RTI MonrifPaesiOnLine e Zeppelin aveva ottenuto un punteggio pari a 87,44/100, contro i 59,94/100 della seconda classificata Unicity SpA.

Con “appena” sedici mesi di ritardo si chiude finalmente la controversia.

Promuovi Italia, nella lettera di aggiudicazione del 30/03/2012, precisa che nei confronti di Unicity SpA

…è già stato effettuato il controllo dei requisiti ex art. 48, comma 2, del D.Lgs n. 163/2006, le cui risultanze hanno dato esito positivo.

Si precisa, altresì, che la scadenza del termine dilatorio per la stipula del Contratto di servizio avverrà ai sensi dell’art. 11, comma 10, del D.Lgs 163/2006. 

In pratica, secondo il codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE, recepite appunto con il decreto legislativo 163/2006:

Il contratto non può comunque essere stipulato prima di trenta giorni dalla comunicazione ai controinteressati del provvedimento di aggiudicazione, ai sensi dell’articolo 79, salvo motivate ragioni di particolare urgenza che non consentono all’amministrazione di attendere il decorso del predetto termine.

I trenta giorni garantiscono normalmente la possibilità di ricorrere al TAR in caso di irregolarità nella conduzione di gara.
Quindi, prima di poter iniziare a “lavorare”, dovrà passare perlomeno tutto il mese di aprile, ché evidentemente aver buttato al vento sedici mesi di tempo non costituisce certo una “motivata ragione di particolare urgenza“.
Per questo inutile ritardo non pagherà nessuno, a parte i cittadini ed il comparto del turismo, ovviamente.

Tutto questo non sposta comunque di una virgola la questione fondamentale, cioè che l’originario bando di gara ed il  capitolato tecnico furono emessi, al tempo, in totale assenza di un vero progetto strategico per il portale del turismo italiano.
E infatti, contrariamente a quanto più volte annunciato e garantito da MVB, anche in sedi istituzionali, non c’è la minima traccia, nel capitolato tecnico, di azioni o misure che lascino intendere la trasformazione del sito attuale in un “vero e proprio market-place“.

A meno di “accordi ufficiosi” e diversi intervenuti con Unicity Spa, il portale rimarrà quindi, purtroppo, una (poco) bella ed inutile vetrina.
Tra l’altro la differenza in termini di punteggio ottenuto in sede di gara dai due RTI non lascia certo ben sperare, visto che i criteri di gara attribuivano un peso del 60% al fattore tecnico e del 40% al fattore economico.

Possiamo quindi solamente confidare nel prossimo governo e nel prossimo ministro, se ci sarà, auspicando che sia possibilmente più competente e più coraggioso di questo.
Che visto il mandato a scadenza breve sta facendo ben poco: a parte sistemare un “amico” alla Presidenza di ENIT per i prossimi tre anni.

Written by frap1964

aprile 1, 2012 a 18:49

28 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Fenomeni da baraccone?
    😉

    Luciano ardoino

    aprile 1, 2012 at 22:17

    • Davvero. Praticamente non essendosi riservati la possibilità di non aggiudicare in caso di un punteggio ottenuto minimo di almeno XX punti, ad esempio, il risultato finale è che ora tocca tenersi un progetto tecnico magari inadeguato.
      O con un rapporto progetto-tecnico/costo insoddisfacente.
      I danni della gestione MVB proseguono, purtroppo.
      E i famosi 5 mega-consulenti non si sa se operino ancora o meno.
      Perché non chiedi ad Enrico Musso di presentare un’interrogazione a risposta in commissione su questo punto particolare (per carità, non un’interrogazione scritta), in modo da sapere quanto effettivamente verrà a costare questo “nuovo” ambaradan?

      frap1964

      aprile 2, 2012 at 00:38

  2. Eh già, perchè no?

    Aspettiamo l’esito delle amministrative che lo vedono impegnato in pianta stabile a Genova e dopo … buona idea.
    Anche se spero che non torni più in Senato.
    Infatti vorrebbe dire che …
    😉

    Luciano ardoino

    aprile 2, 2012 at 00:44

  3. Buongiorno, grazie per il commento, con il Suo post, colgo l’occasione di fare un piccolo riassunto degli episodi precedenti al fine di chiarire, ai nostri lettori,  il perché della situazione attuale. 

    Nel Maggio 2010 il Ministro Brambrilla aveva lanciato il bando per lo sviluppo del portale www.Italia.it. 
    La Monrif Srl, di proprietà del gruppo Monti-Riffeser, aveva vinto la gara d’appalto (2,5 ml di euro), ma era stata poi esclusa sulla base di un ricorso della seconda classificata Unicity Spa. Con questo scambio di vincitori pareva tutto finito ed invece la storia si è resa ancor più densa: la Monrif Srl ha presentato il suo ricorso ed il Ministro in carica, insoddisfatto del lavoro compiuto dai suoi predecessori,  ha voluto applicare delle correzioni. La sua opinione, come riportaPanorama.it/economia, è che il bando dell’ex Ministro Brambilla sia orientato troppo a una funzione “vetrina“, ossia a mostrare le bellezze dell’Italia e troppo poco a soddisfare le esigenze pratiche dei potenziali turisti. Il punto debole, anche confrontando l’operatività dei portali di altri Paesi, è dato dall’impossibilità di interazione, come ad esempio prenotare alberghi e biglietti di musei.  
    Sulla base delle nuove necessità si insinua il dubbio: il bando potrebbe non rispondere più alle reali esigenze, per questo, il Ministro Gnudi ha chiesto di passare alla lente di ingrandimento i requisiti della società Unicity Spa, per vedere se anche questa, come sosteneva il ricorso della Monrif, potesse essere esclusa.

    Pochi giorni fa è stato chiarito che la Unicity è in regola, da tutti i punti di vista, anche a seguito di un controllo dell’Agenzia delle Entrate. 

    A questo punto tutto è tornato sulla scrivania del Ministro Gnudi che ha due alternative: revocare il vecchio bando ed emetterne uno nuovo, cosa che richiederebbe comunque almeno 5 o 6 mesi di tempo, esponendo oltretutto l’amministrazione al rischio economico di nuovi ricorsi e indennizzi, oppure chiedere una integrazione alla società vincitrice, come si appresta a fare secondo quanto risulta a Panorama.it. Con tutte le incognite immaginabili i tempi ed i costi. 

    Dopo i predecessori: Lucio Stanca, Francesco Rutelli, Maria Vittoria Brambrilla  direi che il Portale Italia.it sia lo specchio del nostro Paese, vergognosi sprechi, oltre 10 ml di euro a carico dei contribuenti, a cui vanno sommati i costi dei link delle regioni. Direi che ad oggi un miglioramento, almeno nell’inquadrare gli obbiettivi ci sia stato, nel precedente bando, anche Lei puntualizza che non c’era traccia di un progetto strategico ed incisivo. Io sono d’accordo con il Ministro quando scrive che “Il nostro portale (Italia.it) ha bisogno di arricchirsi sul piano dei contenuti e, soprattutto, di confrontarsi in maniera più incisiva con un turista che vive la rete come un servizio, consapevole che la percezione di efficienza e organizzazione di un Paese si esprime sulla rete dove sempre più spesso inizia l’esperienza di viaggio.”  Per il momento non sappiamo se ci siano o meno accordi ufficiosi con la Unicity Spa. Sarei lieta di confrontarmi con le Sue idee anche in futuro, magari seguendo questa ed altre vicende. Grazie fin da adesso se vorrà dare spazio alla mia richiesta.
    Cordiali saluti.
    Margherita Masotti 

    Margherita Masotti

    aprile 2, 2012 at 11:18

    • Margherita, piacerebbe anche a me poter dire che “un miglioramento, almeno nell’inquadrare gli obbiettivi ci sia stato”, ma purtroppo le cose stanno diversamente, imho.
      Lucio Stanca aveva molto chiaro il fatto che la piattaforma di booking fosse essenziale per il progetto italia.it (al tempo Scegli Italia). Infatti era l’elemento fondamentale del progetto.
      Non fu mai fatta, anche per la forte opposizione di Fiavet e delle ADV.
      Il governo Prodi (ministro Nicolais) modificò il progetto, rendendolo di fatto solo una mera vetrina (con contenuti, come noto, obsoleti e pieni di svarioni).
      Con l’avvento di MVB sembrava che le cose tornassero sulla scia dell’originario progetto (piattaforma di booking). Nuove proteste, questa volta da parte di svariati tour operator, in testa Alpitour (D.J.Winteler scrisse una lettera in proposito), che nel frattempo avevano investito in loro portali per il booking (Alpitour circa due milioni di euro, movimentandone poi 11 solo durante il primo anno di vita del suo portale).
      Per la seconda volta non se ne è quindi fatto nulla.
      Non a caso il capodipartimento del DSCT disse che… durante una puntata di Report.
      Non si tratta di fare intermediazione (che peraltro, in Spagna, Segittur, l’omologo di ENIT, fa tranquillamente): si tratta invece di avere un front-end di booking verso diversi possibili operatori da mettere magari a confronto.
      La tecnologia ci sarebbe.
      Ad oggi il progetto strategico del portale non c’è, e se c’è (io ne dubito) non è mai stato presentato.
      Ci sono più o meno delle vaghe idee su quello che il sito dovrebbe fare (cose che da anni si trovano sui portali delle altre nazioni europee), ma un progetto strategico di dettaglio io non l’ho mai visto.
      E nonostante i 5 mega-project manager tutt’ora stipendiati da Promuovi Italia (+ il nuovo “coordinatore editoriale”), se quanto riportato da Il Fatto Quotidiano, in un articolo di qualche tempo fa, risponde a verità.

      Il blog è “verticale” sulla vicenda di Italia.it, con qualche divagazione sul magico tour. Certamente disponibile, su questo, a futuri confronti.

      frap1964

      aprile 2, 2012 at 18:01

      • Grazie del seguito e delle precisazioni. La storia purtroppo è chiara a tutti, ed i risultati ancor di più. Concedetemi di puntualizzare cose note per voi esperti, ma vorrei che i nostri lettori di napolitime.it potessero avere più informazioni possibili per seguire bene i nostri commenti e magari inserirsi nel gruppo di conversazione.  La politica, si sa, ha sempre insabbiato le idee e gli ingranaggi, sono cadute piogge di soldi scivolati  via proprio come l’acqua. Lo scandalo è stato epocale fin dalle prime battute, la “prima volta” di italia.it , era il 2007, entrare nel web fu una vera e propria missione suicidio, operatori della rete e web design alzarono il coperchio di un calderone fatto di bug, errori, informazioni errate. Il blogger Marco Pugliese,  dimostrò che in poche ore si poteva realizzare una versione del layout del portale completamente in XHTML e CSS e cosa molto importante, senza spendere i 45 ml di euro destinati al progetto.  Dopo quasi un anno di opposizioni e la richiesta di controllo alla Corte dei Conti, nel 2008, il sito fu chiuso. Nello stesso anno, pochi giorni dopo, fu la volta di Michela Vittoria Brambilla a cui vennero accordati i 10 ml di euro di cui ho parlato nel mio precedente commento. Le parole furono chiare “il nostro sarà un portale emozionale”, ma non ci sono mai state né emozioni né reali utilità.  Anche questa versione fu stroncata dai blogger e gli addetti ai lavori e tra le critiche ed i tentativi di miglioramento, che in corsa sanno sempre di rattoppo, arrivò il bando, di cui abbiamo parlato in precedenza,  per la gestione dei contenuti. In ogni blog dedicato al turismo si trovano, nel dettaglio, le cifre di questi fallimenti. L’esempio più eclatante lo fa Roberta Longo, “IL PORTALE DEI PORTALI
        ed il suoi iter durato 7 anni tanti quanto il tempo impiegato da Facebook per conquistare il mondo. 
        Quello che personalmente non ho  mai capito é il motivo per cui non si siano concretamente osservate realtà operative e di successo, bastava dare un occhio a cosa, nello stesso periodo, stava facendo la regione Toscana con il progetto “Voglio vivere così”. Perché non si è voluto vedere che i manager blasonati  servono, ma i “giovani nativi digitali” servono di più? Quando il Governo tecnico è diventato operativo abbiamo sperato che tecnica battesse politica sia sul piano dei contenuti che su quello delle capacitá di gestione. Io ancora ci spero e, permettetemi la citazione, anche se disincantata non sono ancora rinsavita e spero che il turismo, in quanto certezza economica del nostro Paese così in crisi, sia davvero trattato a tutto campo come uno tra i settori su cui investire al meglio. È chiaro che gli investimenti economici non sono l’unica necessità, Frap1964 conferma, almeno secondo i suoi dati che ancora oggi non c’è un progetto preciso. Crede possibile che ad Unicity Spa, possa essere richiesto un lavoro differente da quello profilato nel bando? E la loro risposta quale potrebbe essere. A breve farò un articolo su questi argomenti. Grazie per lo scambio di idee e di notizie, sarò lieta di continuare a seguire Frap1964. 

        Margherita Masotti

        aprile 3, 2012 at 00:26

        • Credo che a Promuovi Italia abbiano deciso di fare così (ma non posso ovviamente esserne sicuro): formalmente l’aggiudicazione è stata fatta ad Unicity Spa sulla base del progetto originale.
          Lasceranno ora trascorrere i 30gg (probabilmente anche di più) come da codice dei contratti, per stilare il contratto operativo e soprattutto per far decadere il termine oltre il quale sia possibile ricorrere al TAR per i restanti partecipanti alla gara: non si può certo fare ricorso sulla base delle “intenzioni” raccontate nei rumors di giornali e/o di blog.
          In sede di contratto operativo verrà chiesto un adeguamento “tecnico” di quanto presentato originariamente sulla base di un nuovo progetto che sarà nel frattempo stilato.
          Il “nuovo progetto” potrebbe spiegare la ricerca improvvisa di un “coordinatore editoriale” per il tempo limitato di soli tre mesi e con l’obiettivo di una “rivisitazione complessiva del portale”.
          A quel punto Unicity Spa dovrà dare esecuzione a quanto nel frattempo sarà contrattualmente stabilito.
          Con o senza adeguamento economico, questo è, tutto sommato, un dettaglio (c’è comunque sicuramente un extra budget a disposizione, dato quantomeno dall’importo base totale originale di gara).
          Nel merito esisterà già probabilmente un accordo di massima con la società, anche solo verbale, probabilmente ottenuto paventando diversamente l’alternativa di annullamento del bando di gara.
          Con possibilità di nuovi ricorsi, certo, ma con la certezza di nuovi costi legali immediati anche per Unicity, e comunque con l’incognita di una nuova sentenza, magari tra un anno ed oltre (TAR + Consiglio di Stato), che sarebbe potuta essere anche non favorevole per la società ora aggiudicataria, laddove si fosse dimostrato l’oggettivo interesse per lo Stato a perseguire un progetto più aggiornato e rispondente a reali e “nuove” esigenze nel frattempo emerse.
          Per Promuovi Italia, poi, avrebbe significato un successivo nuovo bando di gara e tutto il resto della trafila (almeno altri sei mesi).
          Si è quindi probabilmente scelto il classico “aggiustamento all’italiana” per salvare capra e cavoli ed evitare soprattutto di ritrovarsi a dover rispondere di danno erariale, in caso di nuova malaugurata sentenza a favore di Unicity (o anche solo del riconoscimento del danno subito), di fronte alla Corte dei Conti.
          Questo garantisce che il “nuovo” progetto sarà davvero ottimale sul piano tecnico e che il rapporto progetto-tecnico/costo-economico sarà adeguato?
          Ovviamente no, visto che una vera e propria gara, su questo, non verrà esperita.
          Unicity Spa ha forse esperienza pregressa specifica nella realizzazione di siti web per il comparto del turismo? Non risulta.
          Ne ha però, a quanto pare, nel campo della cultura (vedi ad es. siti di Lazio, Campania e Sardegna).
          Per qualcuno probabilmente è più o meno la stessa cosa, anche se i “servizi” al turista sono ovviamente ben altro da questo.
          Inoltre Unicity ha già lavorato con la PA, affrontando quindi già problematiche connesse, ad es., con l’accessibilità (legge Stanca).
          Ci sono le premesse perché ne esca davvero qualcosa di buono?
          Guardiamo alla storia del progetto
          a) si ottenne un completo fallimento con un RTI entro cui c’era Tiscover (oltre IBM e ITS), che come mission aziendale ha proprio quella specifica di sviluppare siti web nel campo del turismo.
          b) l’affidamento della nuova versione del portale ad ACI Informatica, che ha tutt’altra mission aziendale, che risultati concreti ha prodotto?
          Le premesse attuali non lasciano spazio a grande ottimismo; staremo a vedere.
          Si continua a ritenere che il problema del portale sia essenzialmente di tipo “tecnico”.
          Invece la questione, imho, è che serve anzitutto un progetto strategico originale nel campo turistico e soprattutto di comunicazione su web. La competenza “tecnica” ci deve essere, ma anzitutto ci vogliono idee innovative.
          Questa cosa, purtroppo, non è stata ancora capita.
          E non poteva certo capirla un settantatreenne a completo digiuno di turismo e di web: si fosse almeno circondato di persone con un minimo di competenza nel merito (e ce ne sono diverse, bastava solo guardarsi attorno).
          Sarebbe bastato, per cominciare, presenziare all’ultimo BTO (il ministro era stato pure invitato), o anche solo guardare all’esperienza certamente positiva di Toscana Promozione.
          Cosa ha dichiarato invece Piero Gnudi?
          “Vorremmo… che il nostro portale… non è che vogliamo fare delle cose straordinarie, ma vogliamo che sia simile a quello dei migliori, quello della Francia, quello dell’Inghilterra, quello della Germania. E ci stiamo lavorando.
          Perché col portale si riesce anche a spiegare meglio ai turisti in tutto il mondo i vari tipi di turismo che ci sono in Italia, che sono il turismo culturale, il turismo religioso, il turismo enogastronomico.”

          In questa frase c’è tutto il basso profilo di chi dovrebbe oggi governare un comparto che, insieme a quello dei beni culturali, dovrebbe essere invece un elemento di eccellenza italiana, il nostro “petrolio”.
          Come scriveva il Manzoni, “il coraggio uno non se lo può dare“.

          frap1964

          aprile 3, 2012 at 07:45

          • Buongiorno frap1964, grazie della risposta. Anche io ero a BTO, peccato che non sapevo della tua presenza, sarei stata molto lieta di conoscerti. Purtroppo non ci resta che attendere e vedere se i fatti che tu ipotizzi saranno reali. Concordo sullo stato attuale e le competenze in materia promozione turistica a tutto campo nella logica del web 2.0, in fondo “chi sa fare sa anche comandare” o quanto meno dovrebbe saper delegare, per questo anche io, per la “rimessa in forma” del portale Italia.it auspicavo, e spero di vedre un team di giovani, consapevoli e preparati.
            Il futuro passa anche dal web,ma in fondo è già qui nel presente.

            Domanda, mi piacerebbe chei tuoi commenti fossero visibili quanto i miei mentre qusto, sulla pagina di Napolitime non avviene. Buona giornata Margherita

            Margherita Masotti

            aprile 3, 2012 at 10:17

  4. Margherita Masotti,

    … e credo proprio di si (anche se non spetta a me dirlo ma al buon frap1964), a parte che la somma degli sprechi è “ben” oltre quei 10 ml di euro.

    Comunque complimenti per l’ottima precisazione, e in attesa della risposta del caro frap, saluto cordialmente anch’io.

    luciano ardoino

    aprile 2, 2012 at 11:24

    • Grazie Luciano, onorata dei vostri commenti e lieta della voglia di scambiare idee. Margherita

      Margherita Masotti

      aprile 3, 2012 at 00:28

  5. Sei stato al BTO e non ne seppi niente?
    😦

    luciano ardoino

    aprile 3, 2012 at 11:37

    • @Luciano @Margherita
      Non sono stato al BTO.
      Ho però seguito qualche panel sul sito web (vedi Rewind One & Two) e qualche video su YT.
      E sapevo che la RoBBBerta (sempre con 3B, sia chiaro😉 ) aveva invitato il ministro (leggo il blog).
      Purtroppo inascoltata.
      Sarebbe stata (per lui e non solo per lui) un’ottima occasione per imparare qualcosa sui trend attuali.

      @Margherita
      Ho fatto un rapido cut & paste dei miei commenti su Napolitime.it, in risposta.

      frap1964

      aprile 3, 2012 at 16:44

      • Fantastico! Grazie. Sono proprio contenta di averti conosciuto frap1964. Complimenti per il tuo operato, esperienze e conoscenze. A presto M

        Margherita Masotti

        aprile 3, 2012 at 19:37

  6. […] mesi il ministro del turismo italiano non sia ancora riuscito a rinnovare il portale italia.it. I motivi reali dell’attuale situazione, per chi segue questo blog, dovrebbero essere ben noti. Il […]

  7. […] quindi solo dopo il 7 febbraio scorso, io sono stato posto nelle condizioni di decidere se aggiudicare la gara a Unicity, secondo quanto descritto nel bando (in quanto come noto non è possibile modificare i contenuti […]

  8. […] questo portale abbiamo scontato finora tempi lunghissimi, anche per i molti ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato, ma voglio sottolineare che non c’é assolutamente cattiva […]

  9. […] uno dei grossi problemi che noi abbiamo trovato. Purtroppo lì siamo stati bloccati per mesi per problemi di carattere burocratico perché c’erano un contenzioso relativo alla gara che era stata indetta per rifare il sito, […]

  10. […] Il 18 maggio 2010 Promuovitalia, azienda partecipata al 100% da ENIT, anch’esso vigilato dal DSCT, indice un bando di gara triennale per l’assegnazione dei servizi redazionali del portale italia.it con durata di 36 mesi ed importo a base d’asta di 2.030.000,00 euro + IVA. Seguirà un contenzioso sull’aggiudicazione di gara della durata di 16 mesi che si concluderà soltanto nel marzo 2012. […]

  11. […] Il 18 maggio 2010 Promuovitalia, azienda partecipata al 100% da ENIT, anch’esso vigilato dal DSCT, indice un bando di gara triennale per l’assegnazione dei servizi redazionali del portale italia.it con durata di 36 mesi ed importo a base d’asta di 2.030.000,00 euro + IVA. Seguirà un contenzioso sull’aggiudicazione di gara della durata di 16 mesi che si concluderà soltanto nel marzo 2012. […]

  12. […] questo portale abbiamo scontato finora tempi lunghissimi, anche per i molti ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato, ma voglio sottolineare che non c’é assolutamente cattiva […]

  13. […] mesi il ministro del turismo italiano non sia ancora riuscito a rinnovare il portale italia.it. I motivi reali dell’attuale situazione, per chi segue questo blog, dovrebbero essere ben […]

  14. […] cinese del portale è tuttora raggiungibile dalla home-page. E infine, una gara di durata triennale sui contenuti da due milioni di euro per “valorizzare i contenuti dei portali […]

  15. […] contenzioso si è effettivamente chiuso solo il 30 marzo 2012, dopo ben sedici mesi, con la riaggiudicazione definitiva dell’appalto alla seconda […]

  16. […] facilmente rinvenuto il capitolato tecnico di gara (gara da due milioni di euro con un iter piuttosto travagliato) e letto a pagina […]

  17. […] si bloccò. Al termine del contenzioso, durato la bellezza di sedici mesi, la gara è stata riaggiudicata  il 30 marzo 2012 e dal 21 maggio dello stesso anno la gestione editoriale del sito è stata […]

  18. […] a sua volta, nel maggio 2010, una gara d’appalto il cui travagliatissimo iter si è di fatto concluso solo a fine marzo 2012. Dal 20 maggio 2012, per un triennio, la redazione del portale è affidata […]

  19. […] dei servizi tecnici per la redazione del portale nazionale del turismo fu aggiudicata, dopo un contenzioso durato 16 mesi, ad Unicity SpA per un importo di € 1.548.000 per il triennio giugno 2012 – […]

  20. […] per due anni venne considerato sottostimato (nota: sarà il medesimo numero per il bando vinto da Unicity nel 2012, con una base d’asta per i contenuti ridotta del 50% rispetto ai 4 milioni di euro […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: