Magic Italy

"I numeri di Italia.it sono la base di partenza di un progetto più ampio basato sulle 3 C del turismo digitale: Coopetition, Condivisione e Connessioni."

italia.it: la sua gestione grida vendetta

with 4 comments

Su Repubblica.it il sottosegretario ai beni culturali con delega al turismo (da quando?) Simonetta Giordani interviene sul Piano strategico nazionale del turismo “rivisitato” che dovrebbe approdare a settembre in Consiglio dei Ministri.
Non poteva mancare una “severa” presa di posizione sul portalone nazionale.


Ecco, il mio obiettivo è tornare in testa, ma già per scalare l’Europa dobbiamo  aumentare significativamente le presenze e recuperare un imbarazzante gap tecnologico”.

Quale gap?
“L’assenza di un’offerta digitale congiunta. Ormai Internet è un canale fondamentale per vendere il prodotto Italia. E noi, sul portale, non abbiamo nemmeno un calendario comune delle manifestazioni culturali e turistiche presenti sul territorio. Faremo in modo che il turista straniero entri in Italia.it, ci trovi tutta l’offerta del Paese e possa scegliere una vacanza in base al suo budget”.

Il portale di cui lei parla c’è già. Ci risulta che sia costato oltre 57 milioni e che abbia prodotto risultati tendenti allo zero. Vuole recuperarlo dimenticando il suo scandaloso passato?
“Il portale è costato meno, ma certamente la sua gestione grida vendetta. Se vogliamo riaprire la partita, tuttavia, dobbiamo fare in fretta e sfruttare quello che c’è.  Al portale le cose stanno cambiando, possiamo rifondarlo e integrarlo con un laboratorio di e-tourism che connettendo social media, blog, e applicazioni, disegni la strategia digitale italiana del turismo”.

Anzitutto sarebbe interessante sapere finalmente e precisamente quanto “meno” sarebbe costato il portale sino ad oggi. Sempre che gli uffici preposti siano in grado di fare il conto esatto dal 2004 ai giorni nostri, cosa ormai piuttosto improbabile.

Dove e come starebbero cambiando le cose, poi, francamente non si capisce.
L’unico fatto recente e degno di nota  è la sparizione, in home-page, del link all’impresentabile versione “cinese” del portale da 320mila euro, sito “unico al mondo” (cit.) ma, ahimé, oramai irraggiungible (meno male).

La “storiella” del laboratorio di e-tourism, un mantra la cui paternità si fa risalire all’attuale direttore di ENIT in visita il 29 novembre 2012 al BTO di Firenze, ha prodotto, ad oggi, il nulla assoluto.

Ed è pure inserita come azione 12 (azione prioritaria) nel piano strategico dell’ex ministro Gnudi, con tempi di attuazione 6-12 mesi.

Ancora una volta, insomma, come da tradizione, annunci ad effetto (scarso) e chiacchiere al vento.

P.S.  Silvia Bonaventura, sempre su Repubblica.it, nell’ambito della medesima inchiesta “estiva” sulle vacanze, ricostruisce un po’ tutta la vicenda del portale nazionale (con diverse imprecisioni).

Written by frap1964

agosto 14, 2013 a 18:46

4 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Mi spingo oltre: tutte le società partecipate e controllate dal ministero che si occupano di turismo e cultura – Enit, Promuovitalia, Ales e Arcus – vanno velocemente razionalizzate e semplificate in modo da diventare un braccio armato operativo a servizio della nuova strategia …
    Questa del braccio armato operativo l’avevo già letta in merito all’Arcus. Che la signora sottosegretario voglia rifare il medesimo braccio armato operativo di questo … http://www.repubblica.it/cronaca/2010/02/28/news/arcus_la_societ_per_la_cultura_che_regala_le_mance_di_stato-2458569/

    luardoino

    agosto 14, 2013 at 20:05

    • Il punto è la “nuova” strategia.
      Ci fosse, magari…
      Io, per il momento, ho letto solo degli slogan.
      L’unica cosa seria da fare sarebbe abolire finalmente le società in-house.
      Razionalizzate e semplificate… lasciamo stare, va…

      frap1964

      agosto 14, 2013 at 20:27

  2. […] editoriale del sito è stata affidata alla società Unicity SpA. Da qualche tempo diversi attori istituzionali vanno ripetendo che “al portale le cose stanno cambiando” e quindi vale […]

  3. […] oggi “al portale le cose stanno cambiando” e ce lo dicono diversi attori istituzionali (il sottosegretario Simonetta Giordani ed anche il direttore editoriale Arturo Di Corinto in commenti recenti su questo […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: